Mutui online per i giovani

Giovani e con buona liquidita’: questo il profilo delle persone che si rivolgono ai servizi internet per accendere ad un finanziamento.

Giovani e con buona liquidita’: questo il profilo delle persone che si rivolgono ai servizi internet per accendere ad un finanziamento. L’eta’ media dei richiedenti e’ scesa di un anno rispetto al primo trimestre 2011, attestandosi sui 37 anni di media (con punte di 43 anni in Basilicata e di 34 in Valle d’Aosta).

Lo rileva la seconda trimestrale dell’osservatorio mutui di Mutui-internet.it, portale dedicato ai finanziamenti web che, dal gennaio di quest’anno, ha dato vita a un centro studi per analizzare l’andamento del mercato on-line.

“L’indice -commenta Enrico Piacentini, responsabile web-marketing di mutui-internet.it- si attesta ancora su livelli decisamente positivi nonostante sia aumentato rispetto al primo trimestre dell’anno resta comunque sotto la soglia di soddisfazione che e’ l’80%.

La spiegazione piu’ attendibile e’ che i consumatori, di fronte a un periodo di incertezza finanziaria come quello attuale, legato alle continue informazioni frastagliate della manovra finanziaria, preferisce, nonostante un buon livello di liquidita’, essere ancora piu’ prudente e non mettere direttamente in gioco i propri capitali in attesa di momenti piu’ sereni”.

L’indice Ltv (Loan to value), cioe’ il rapporto tra importo richiesto e il valore dell’immobile, non ha subito sostanziali differenze rispetto al primo trimestre dell’anno: la media dell’indice, relativamente alle 17.804 richieste pervenute a mutui-internet.it nel periodo aprile-giugno 2011, e’ del 76,92%; superiore di cinque punti rispetto al periodo gennaio-marzo dello stesso anno.

Fonte Adnkronos

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sannio, la facoltà SEA si presenta

Next Article

Volkswagen, lavoro e stage

Related Posts
Leggi di più

Film horror in una scuola media: studenti svenuti

È accaduto in una scuola di Cremona durante una supplenza. Proiettata la pellicola "Terrifier" vietata ai minori: gli alunni più sensibili hanno accusato malori e nausea. Lettera di protesta inviata al preside