Paolo Grossi: i giovani verso l’Europa

Laureati eccellenti Costituzione dell’Associazione laureati è l’iniziativa con cui il Suor Orsola Benincasa

Laureati eccellenti Costituzione dell’Associazione laureati è l’iniziativa con cui il Suor Orsola Benincasa di Napoli ha aperto le porte ad una ricca lectio magistralis del più grande allievo, il Giudice costituzionale ed Accademico dei Lincei Paolo Grossi.

“Nessuno meglio di un brillante neolaureato può spiegare ad un neodiplomato le caratteristiche, le difficoltà ed il modo giusto di affrontare il percorso universitario e, poi, come realizzare il sogno di una piena affermazione professionale” queste le parole del Preside della facoltà di Giurisprudenza Franco Fichera che ha definito la giornata come “un momento felice”, un momento di incontro tra i brillanti laureati della facoltà interventi per raccontare le proprie esperienze concrete di successo.

La lezione. La lectio magistralis tenuta da Grossi, la vita nel diritto, è stato un ripercorrere la vasta carriera del giurista e studioso del diritto, un orientamento particolare per i neo diplomati presenti in sala. “Tra i ricordi più belli della mia vita c’è il 20 dicembre 2007 quando presso questo ateneo mi venne conferita la laurea honoris causa” ha affermato Paolo Grossi. Dal concetto di giurista nel mondo medievale a quello moderno, il giudice ha voluto lasciare un messaggio importante agli studenti: “Oggi non c’è più esegesi, tutti i giuristi sono coinvolti nel procedimento di costruzione del diritto”. Un’affermazione che carica di responsabilità il giurista contemporaneo. “Vedo i giovani proiettati verso l’Europa, sempre più fortemente – ha continuato – essi devono considerare l’Europa come un grande laboratorio giuridico!”.

Non è mancata una riflessione su quella che oggi appare come crisi del diritto: “A chi dice che il diritto in crisi rispondo di no! Il diritto muta, cambia al cambiare della società civile. Piuttosto, viviamo una crisi delle fonti del diritto, oggi gli articoli 1 e 12 delle preleggi sono un paesaggio irreale”.

Al termine della lezione, la prof.ssa Lucilla Gatt, responsabile dell’Ufficio di Job Placement della facoltà, ha introdotto i brillanti laureati: “Ci tengo a sottolineare con soddisfazione che è in continuo aumento il numero dei nostri laureati che riescono a trovare occupazioni di prestigio attraverso l’attività del nostro Ufficio di Job Placement. Proprio in questi giorni il Gruppo Assicurazioni Generali ci ha comunicato che, a seguito delle selezioni che ha svolto presso il nostro Ateneo in occasione del recente Career Day di giurisprudenza, hanno assunto quattro dei nostri neolaureati”.

I laureati presenti. Andrea Costantino Magliulo, laureato con 110 e lode dopo uno stage formativo presso il Tribunale Amministrativo Regionale oggi risulta assunto presso l’Ufficio Affari Legali MSC Crociere di Napoli. Luca Terminiello, laureato con 110 e lode attualmente sta concludendo il dottorato di ricerca di disciplina del mercato e della concorrenza dell’Unione Europea presso il gabinetto del giudice Tizzano, Presidente della Prima sezione. Inoltre, esercita presso lo studio legale DeLuca Tamajo – Bousier Niutta di Napoli. Alessandra Sardu laureata con 110 e lode sta seguendo il dottorato di ricerca in International Studies con specializzazione in International Law presso l’Università di Ginerva in Svizzera. E’ Master of Lawa in International Dispute Settlement a Ginevra.

La prima tessera. Con l’occasione della costituzione di ALSOGIUR (Associazione laureati Suor Orsola Benincasa sezione di Giurisprudenza) nata lo scorso luglio al fine di favorire i rapporti tra i laureati e di sviluppare i rapporti tra l’Università e il mondo del lavoro, è stata consegnata la prima tessera associativa al prof. Paolo Grossi.

Martina Gaudino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Volkswagen, lavoro e stage

Next Article

Istruzione e formazione

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.