Vi racconto il mio stage disastroso nel turismo. “Urgente stanziare soldi per le imprese del Sud”

tirocinio
Una studentessa di Scienze del Turismo: “In Comune? Ho fatto di tutto, tranne che un tirocinio che fosse attinente con le mie competenze e i miei interessi”

 

 

“La mia esperienza di stage? Non è stata il massimo”. Una studentessa racconta ai nostri microfoni la sua esperienza. Studia nel meridione e teme già per il suo futuro.
“Studio Scienze Turistiche e, invece di fare un tirocinio in un hotel o in un’agenzia, ho preferito rivolgermi direttamente al Comune del mio paese, pensando che ci fosse un ufficio per il turismo”, ha spiegato. “E’ stato l’errore più grande che abbia potuto fare. Mi occupavo di tutto tranne che di turismo. Ma ormai avevo iniziato e per tornare indietro avrei dovuto compilare il modulo di rinuncia presso la struttura scelta e affrontare gli obblighi burocratici”.

Mi sono trovata male. Mi sono occupata di pratiche per disabili, di aperture e chiusure dei negozi e della mensa dei bambini, di tutto tranne che turismo”.
E incalza: “Personale incompetente, se chiedevi aiuto non sapevano nemmeno risponderti. Mi è capitato  di assentarmi per motivi personali. Sono stata chiamata dall’ufficio perché non sapevano come accedere a dei documenti su internet. Stessa cosa è successa dopo mesi che avevo finito il tirocinio”.
E poi: “Ho chiesto aiuto per la relazione e non mi è stato dato. Anzi, addirittura, dopo averlo fatto io, scrivendo tutte le lamentele possibili, mi sono dovuta subire anche i rimproveri della responsabile che mi diceva che non dovevo scrivere quelle cose”.

“Quando finirò  i miei studi in Scienze del Turismo, so già che dovrò affrontare grosse difficoltà. Lo Stato non mi permette di fare nessun tipo di concorso. Se esce un concorso proprio sul turismo, chi si laurea in Economia o in Giurisprudenza può partecipare. Ed io che sono laureata proprio in quell’ambito, resto fuori. Ed è una cosa che fa rabbia, perché io una volta laureata non saprò cosa fare e tanto meno dove andrò a lavorare”.

“La disoccupazione dei giovani è una cosa gravissima per il nostro Paese ed è brutto vedere ragazzi della mia età che vanno fuori dall’Italia per trovare lavoro. Soprattutto qui, al Sud, dove vivo io, ne vanno via parecchi”.
“Secondo me, il governo dovrebbe stanziare dei fondi da dare alle piccole e medie imprese d’Italia, soprattutto del Sud. Perché è qui che abbiamo maggiormente bisogno, e questi fondi devono servire per assumere i giovani, quei giovani che dopo il diploma o dopo la laurea sono alla ricerca di un lavoro

A.Z.

Total
0
Shares
1 comment
  1. E’ successa la stessa cosa a me, lo stage legato all’università, durato circa tre mesi è stato davvero inutile..si trattava di stare 8 ore al giorno davanti un pc a compilare dati.
    Ho fatto diversi altri stage, ma i risultati quali sono stati? dopo aver sfruttato gratuitamente , le aziende ti liquidano alla fine del periodo di tirocinio e ti ritrovi punto e a capo.
    Non riuscirò mai a capire perchè l’Italia, il paese che più al mondo potrebbe sfruttare il turismo per il proprio sviluppo invece non incentivi questo settore..e di conseguenza tutti quei giovani che invece ci credono si trovano a vivere dinanzi a tanto poteniziale inermi, perchè non gli viene permesso di far nulla.

Lascia un commento
Previous Article

Tam Town, una piazza virtuale per trovare lavoro. Il founder:"meglio devolvere i soldi ad una onlus che fondare una start-up in Italia"

Next Article

Green generation, opportunità con Kerakoll

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.