Tam Town, una piazza virtuale per trovare lavoro. Il founder:”meglio devolvere i soldi ad una onlus che fondare una start-up in Italia”

tam town
Il team della start-up “Tam Town”

 

Ci sono voluti 35 mila euro di investimento per creare la start-up Tam Town, piazza virtuale che si propone di trovare il lavoratore più adeguato a soddisfare le necessità degli utenti in tempi strettissimi.

“Avrei fatto meglio a devolverli ad una Onlus! Dei 35 mila euro che sono serviti, una buona parte è andata allo Stato. Notaio, avvocato, commercialista – e poi anche la tassa della camera di commercio”. In Italia è così, ha spiegato Simone Graglia, founder di Tam Town che ha creduto nel progetto insieme agli altri soci, tutti studenti universitari alla Facoltà di Ingegneria logistica del Politecnico di Torino.

Al momento, continua, la prima versione del sito, “non presenta forme di guadagno per noi”. “Abbiamo lanciato un test per far conoscere il servizio. Presto, però, lanceremo la nuova versione che ci consentirà di avere dei guadagni, perché sarà completamente focalizzata sulla domanda”, ha detto.

“Non siamo un portale di annunci. Mi fa arrabbiare molto quando si fa confusione in merito. Tam Town significa passaparola in città. Nasce da un’esigenza: è uno strumento che ci serviva e che non esisteva sul mercato. E’ focalizzato sulla richiesta: quando ti serve un elettricista, una baby sitter, un idraulico, puoi mettere una richiesta geolocalizzata e personalizzata su Tam Town. Ti serve un dog sitter a Milano dall’una alle due di domani? Si salda la richiesta e il sistema interagisce, comunica con tutte quelle persone che hanno dato disponibilità a fare quel determinato servizio. Il sistema manda una mail a ogni utente e li avvisa che c’è una richiesta che può essere interessante per loro. Queste persone interagiscono con la domanda e inviano dei preventivi. A quel punto sta alla domanda scegliere in base al prezzo, alla qualità del servizio, al profilo di questa persona e alla sua affidabilità”, spiega.

“Sono tante le persone che grazie a noi hanno trovato un lavoro, un impiego, un lavoretto”, ha detto. Su Tam Town, per il momento, ci sono utenti come Matteo S. che offre lezioni di chitarra, pianoforte e solfeggio e Vita B., cuoca a domicilio. Tam Town, però, vorrebbe ospitare anche offerte dal carattere innovativo come “fare la spesa per altri” e “spazzare la neve dal viale per altri”. All’estero, Task Rabbit e Craiglist, piazze virtuali per cercare lavoro, hanno raggiunto oggi un grandissimo successo. Un’idea molto simile, in Italia, ha bisogno di più tempo, forse.

A.Z.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Patrimoni di Belle Arti. Gli esperti a Napoli: si parte da qui

Next Article

Vi racconto il mio stage disastroso nel turismo. "Urgente stanziare soldi per le imprese del Sud"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.