Verifica del Green Pass nelle scuole – chi controllerà e come?

Come noto, dal 1 settembre, anche nelle scuole entrerà in vigore l’obbligo del possesso e il dovere di esibizione del green pass per tutto il personale scolastico.

Le scuole di tutta Italia stanno organizzando la ripresa della didattica. I nuovi obblighi determinano l’organizzazione di operazioni quotidiane, connesse al rispetto delle disposizioni di legge, da coniugarsi alle attività scolastiche ordinarie.

Al fine di sostenere i Dirigenti scolastici nelle attività di competenza, il Ministero ha inviato nota con informazioni e suggerimenti.

Con il Green Pass si attesta e la relativa validità temporale:

  1. somministrazione della prima dose di vaccino (validità dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione, fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale),
  2. avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, al termine del prescritto ciclo (validità nove mesi),
  3. avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell’isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2 (validità sei mesi),
  4. effettuazione di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo al virus SARS-CoV-2 (validità quarantotto ore).


Il decreto prevede che la verifica delle certificazioni verdi sia realizzata mediante l’utilizzo – anche senza necessità di connessione internet – dell’App “VerificaC19”, installata su un dispositivo mobile.

L’applicazione consente di riscontrare l’autenticità e la validità delle certificazioni emesse dalla Piattaforma nazionale digital green certificate (DGC), senza rendere visibili le informazioni che ne hanno determinato l’emissione e senza memorizzare informazioni personali sul dispositivo del verificatore. Pertanto, nel pieno rispetto della privacy.


La verifica della certificazione verde COVID-19 mediante la richiamata App “VerificaC19” avviene con le seguenti modalità:

  • PROCEDURA ORDINARIA DI VERIFICA = su richiesta del verificatore (Dirigente scolastico o suo delegato), l’interessato mostra – in formato digitale oppure cartaceo – il QR Code abbinato alla propria certificazione verde Covid-19, l’App “VerificaC19” scansiona il QR Code, ne estrae le informazioni e procede con il controllo, fornendo tre possibili risultati (nei prossimi aggiornamenti della App):
  • schermata verde: la certificazione è valida per l’Italia e l’Europa
  • schermata azzurra: la certificazione è valida solo per l’Italia
  • schermata rossa: la certificazione non è valida o c’è stato un errore di lettura

NB: In caso di “schermata rossa” il personale non potrà accedere all’istituzione scolastica e dovrà “regolarizzare” la propria posizione vaccinandosi oppure effettuando test antigenico rapido o molecolare.

  • PROCEDURA AUTOMATIZZATA DI VERIFICA = attraverso il Sistema informativo in uso presso le scuole (SIDI) e la Piattaforma nazionale DGC. In pratica, il Dirigente potrà interrogare il sistema senza necessità di scansione di ogni singolo QRcode, “restituirà” la medesima tipologia di schermate descritte nella “procedura ordinaria”.
Piattaforma nazionale per il controllo del green pass: la guida e il video esplicativo

NB: L’intervento normativo necessario per consentire l’adozione della procedura automatizzata non è ancora stato emesso. Nel frattempo la sola modalità possibile è quella “ordinaria”


A livello organizzativo, il ministero suggerisce di ricorrere all’opera contestuale di più soggetti “verificatori”, ciascuno delegato all’utilizzo dell’app “Verifica C19”, così come, ove opportuno e possibile, potranno individuarsi ingressi diversi, per evitare assembramenti del personale.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Irpiniambiente: 115 tirocini retribuiti, Garanzia Giovani

Next Article

Apericerca 2021: a settembre cinque incontri destinati ai ricercatori

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"