"Verde & Spazio", la Ricerca della Gelmini

greenspace.jpgTagli no, razionalizzazione sì: «Occorre fare sistema, solo così lo sviluppo tecnologico diventerà innovazione produttiva. Bisogna ripristinare una sinergia adesso inesistente, soprattutto fra gli Enti e i Ministeri. Oggi la collaborazione è complicata il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha perso la regia di un’organizzazione strategica che deve riprendere». Parola del ministro Mariastella Gelmini in una recente intervista rilasciata al Corsera.
Trasferimento tecnologico. «Innanzitutto procediamo ad una verifica degli Enti per semplificare l’operato, razionalizzando dove serve e attuando una collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico. Non tagliamo nulla. Si verificano – ha spiegato il ministro – i sistemi di incentivazione in modo che la ricerca diventi davvero produttiva e si riesca a materializzare il famoso trasferimento tecnologico. Bisogna pensare a nuovi strumenti di investimento che possono attirare capitali. Questi dovranno sostenere proprio il trasferimento tecnologico alle imprese».
Verde & Spazio. «Tra le aree prioritarie scelte c’è l’energia con le green technologies, i processi dell’invecchiamento, l’alimentazione e l’agricoltura e la ricerca spaziale ricca di tecnologie legate alla vita quotidiana. A settembre organizzerò una conferenza nazionale per la ricerca – ha concluso la Gelmini – e daremo vita ad alcuni progetti per grandi infrastrutture scientifiche: da nuovi satelliti a progetti per l’aiuto ai Paesi in via di sviluppo».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Da Padova il premio Marta Cimento

Next Article

Damiano propone l'assegno di disoccupazione

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).