Damiano propone l'assegno di disoccupazione

Un assegno di disoccupazione universale per chi perde il posto di lavoro. A rilanciare la proposta è l’ex ministro del Lavoro, Cesare Damiano, in occasione della presentazione della sua candidatura alla segreteria del Pd del Piemonte.
«Dobbiamo garantire – ha ribadito – un assegno di disoccupazione universale pari almeno al 60% dell’ultima retribuzione, contro il 20% di oggi, indipendentemente dal rapporto di lavoro, stabile o flessibile, dalle dimensioni e dall’ambito produttivo dell’azienda. Inoltre – ha aggiunto l’ex ministro – è necessario garantire un salario minimo che consenta a chi ha un lavoro flessibile un riferimento retributivo».
Infine, per quanto riguarda l’età pensionabile, Damiano ha rilanciato la flessibilità d’uscita: «La scelta verso la pensione – a 60, 67 o 70 anni – deve spettare al lavoratore in base alle sue condizioni economiche, familiari, di lavoro».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Verde & Spazio", la Ricerca della Gelmini

Next Article

Ricerca in Calabria, triennio da 325 mln

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.