Valditara incontra i sindacati per la prima volta: rinnovo contratto e merito i principali temi affrontati

Ai sindacati Valditara promette di “fare la mia parte in sede di Legge di bilancio, per dare un segnale concreto ai temi avvertiti come prioritari dagli operatori del mondo della scuola”. Sul decreto “anti-rave” i sindacati avverttono: “Vigileremo su libertà di manifestare”

Contratto, politiche sul reclutamento, organici, docenti e Ata, ma anche formazione del personale, stabilità e chiarimenti sul cosiddetto merito. Sono i temi affrontati nel primo incontro tra organizzazioni sindacali e il ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara. Incontro, avvenuto giovedì scorso, fortemente voluto dal ministro in quota Lega, che lo ha voluto mettere tra i primi della sua agenda ha voluto mettere in agenda, tra i suoi primi appuntamenti, quello con i sindacati che si sono presentati a Viale Trastevere co una lista di nodi da sciogliere sulla scuola.

Pnrr e contratto scuola

All’incontro hanno partecipato il segretario generale della Flc Cgil Francesco Sinopoli; la segretaria generale della Cisl Scuola Ivana Barbacci; il segretario generale della Uil Scuola Giuseppe D’Aprile; la segretaria generale Snals-Confsal Elvira Serafini; il coordinatore nazionale della Federazione Gilda Unams Rino Di Meglio e il presidente nazionale dell’Anief Marcello Pacifico. Nonostante molti dei segretari si fossero già espressi in maniera critica riguardo l’aggiunta della parola “merito”, l’appuntamento con Valditara è stato per tutti positivo.

Sinopoli ha sottolineato il ruolo del governo negli investimenti sull’Istruzione oltre il Pnrr: “Noi saremo sostenitori di tutte le scelte che il ministero farà per esercitare pienamente le proprie funzioni e lavorare per la scuola. Il ministero dell’Istruzione però non dovrà essere trattato come un capitolo di bilancio da contenere. Il Pnrr, necessario per il Paese, non può sostituire il ruolo dello Stato che nell’Istruzione deve ritornare a investire”. Non è mancato un passaggio al recente decreto “anti-rave”: “Un tema importante – ha detto Sinopoli – anche per chi nel Paese presiede il ministero dell’Istruzione e guarda dunque la vita di migliaia di ragazzi e ragazze. Non si può criminalizzare e reprimere il dissenso quando il problema nel Paese è la mancanza di partecipazione. La Flc Cgil vigilerà affinché venga garantita la libertà di manifestazione sancita dall’articolo 17 della nostra Costituzione”.

“Il rinnovo del contratto è la risposta concreta che nell’immediato si può dare alle attese di una categoria che chiede da tempo un riallineamento con altri Paesi e altri settori della pubblica amministrazione. L’urgenza – ha detto la leader Cil Scuola – si fa più stringente nel quadro delle attuali pesanti difficoltà che colpiscono anche le retribuzioni, già in sofferenza, del personale scolastico. Siamo interessati a recuperare un clima di confronto e di condivisione degli obiettivi, anche di quelli di riforma del sistema. Siamo pronti ad assumerci le nostre responsabilità, a partire dai tavoli contrattuali di cui vogliamo continuare a essere protagonisti”.

Merito e stabilizzazione

Sulla questione del merito è tornato anche Di Meglio: “Se ci si riferisce a una scuola che, senza discriminazioni, valuti responsabilmente il merito degli alunni, siamo d’accordo, perché la valutazione fa parte delle attività professionali dell’insegnante. Siamo disposti anche a discutere, a patto però che si liberino adeguate risorse economiche, del merito relativo ai docenti, purché sia concepito come valorizzazione della loro funzione. Due sono le condizioni imprescindibili: la prima è che la valutazione sia operata da soggetti competenti, la seconda è che premi l’impegno con gli alunni e non gli impegni impropri di carattere burocratico”.

Giuseppe D’Aprile della Uil ha puntato tutto sulla stabilizzazione che “diventa volano di crescita per l’intera economia del Paese, per cui stabilizzare comporta un doppio vantaggio: il primo certezza di una scuola con il personale in servizio già dal primo di settembre e un’economia che trova un nuovo slancio derivante dagli oltre 200 mila precari che iniziano a vedere un possibile futuro certo”.

Da parte sua il ministro ha proposto anzitutto l’istituzione di un tavolo di confronto tra la segreteria tecnica del ministero e le strutture tecniche sindacali, dove si possano condividere le questioni strategiche di interesse comune e individuare le prime proposte di soluzione: “Questo tavolo – ha sottolineato Valditara – non sarà un momento formale, ma un luogo di elaborazione operativa che si riunirà frequentemente. Farò la mia parte in sede di Legge di bilancio, per dare un segnale concreto ai temi avvertiti come prioritari dagli operatori del mondo della scuola, compresi quelli delle retribuzioni e della valorizzazione”.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La scuola "serena" di Valditara: "Merito non contrapposto dell'eguaglianza sociale". E sul contratto docenti: "Ci stiamo lavorando"

Next Article

Gli studenti rispondono a Valditara: "Nostre proposte note da tempo. Ministro convochi il Forum della associazioni"

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".