Vacanza di volontariato? Ancora in tempo per partire

Dal volontariato con i bambini alla tutela dell’ambiente, dalla promozione dei diritti umani allo stage in giornalismo. È tempo di vacanza per migliaia di giovani e studenti. Ecco come fare per intraprendere un’esperienza di volontariato e stage all’estero
Se hai voglia di una vacanza diversa e impegnata, se desideri andare lontano per scoprire posti nuovi e allo stesso tempo renderti utile, sei ancora in tempo per partire. Projects Abroad dà la possibilità di cimentarti sul campo, frequentando uno stage all’estero o partecipando a un viaggio di volontariato in diversi settori disciplinari. Sono oltre 25 i Paesi che ospitano i progetti: dall’Africa all’Asia, incluse America Latina ed Est Europa.
I campi di volontariato e orientamento agli studi sono aperti a tutti gli studenti, a partire dai ragazzi tra i 16 e 19 anni. I giovani potranno mettersi alla prova in settori come medicina, diritti umani, economia, archeologia e giornalismo. Ma sarà un test importante anche per confermare le scelte universitarie.
I progetti sono aperti anche a studenti universitari e neolaureati, che potranno partire per migliorare la lingua ed arricchire le proprie conoscenze teoriche, facendo pratica sul campo nel proprio settore di studio. Già negli anni passati studenti e laureati hanno avuto modo di partecipare a diverse attività sul campo, nei settori più diversi: da Medicina a Giurisprudenza, da Economia a Ingegneria, passando per Psicologia, Scienze della Comunicazione ed Archeologia.
Vacanze di Volontariato con Projects Abroad
Si può decidere di partire anche senza avere precedenti esperienze e particolari qualifiche. Dal sito, inoltre, è possibile scegliere liberamente il progetto e il Paese preferito, impostando le date di partenza e la durata della missione umanitaria. Ogni studente, infine, può contare sul supporto e sull’assistenza di un ufficio locale specializzato in ogni Paese.
“Ho lavorato per la prima volta. Avuto un boss, che aveva un boss, che aveva un boss che dirigeva il tutto. Ho conosciuto artisti internazionali, dirigenti cinesi, fotografi emergenti. Imparato a cucire, installando un’esposizione per un’artista finlandese. Imparato ad usare Power Point, ad arrivare puntuale, a dire la mia opinione senza paura. Ho visto, e cercato di comprendere, opere d’arte contemporanea assurde”. Davide Casciotta, 20 anni, è uno studente di Scienze della Comunicazione ed è partito per uno stage in giornalismo in Cina. L’estate scorsa ha realizzato finalmente il suo progetto. E dopo un mese dal suo rientro in Italia ha trovato impiego presso un’importate galleria d’arte di Milano. Inoltre, ha iniziato una collaborazione con un giornale, mettendo a frutto il suo percorso di studi. Insomma, una vacanza che cambia la vita.
Per maggiori informazioni è possibile collegarsi al sito www.projects‐abroad.it 
A cura di All Social srl 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sapienza, il racconto degli studenti. Quando il corso universitario funziona alla grande

Next Article

Buona Scuola in dirittura d'arrivo: il piano di assunzioni scaglionato in tre fasi

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).