Studenti-pusher, tre arresti a Lecce

cannabis.jpgDovevano aver pensato che fosse un ottimo modo per arrotondare e per pagarsi gli studi: tra un esame e l’altro avevano trovato il tempo per mettere su una redditizia attività di spaccio di hashish e marijuana, coltivata in proprio nel giardino dietro casa. Tre studenti universitari – Pierpaolo L., di Taviano, Stefania P., di Corato (Bari), di 22 anni, e Francesco R., di 23, di Ostuni (Brindisi) – sono stati arrestati da agenti della sezione narcotici della squadra mobile di Lecce per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
I poliziotti hanno sorpreso i tre mentre – nella loro abitazione alla periferia di Lecce – confezionavano dosi di hascisc e marijuana. Gli agenti hanno inoltre sequestrato quattro piante di marijuana, alte circa 120 centimetri e coltivate in tre vasi posti in un giardino di pertinenza di una casa attigua disabitata, oltre 140 grammi di hashish, 20 grammi di marijuana, un bilancino elettronico, l’occorrente per il confezionamento delle dosi e 790 euro, danaro ritenuto provento dell’attività di spaccio.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un premio al Made in Italy dal Comitato Leonardo

Next Article

200 consulenti telefonici per call center

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".