Università: volete guadagnare bene? «Studiate matematica»

Lo studio del Dipartimento per l’Educazione di Washington: è l’unica chance di fare carriera: economia e informatica sono le facoltà migliori
Se non potete permettervi un’Università d’élite all’estero, se non volete partire, allora studiate matematica. Sarà una garanzia, non solo di trovare lavoro ma di trovarlo remunerativo e con possibilità di carriera ben più alte che per le altre lauree. Vietato invece buttarsi su Lettere o Storia. A spingere in questa direzione sono i dati rilasciati lo scorso novembre dal Dipartimento americano per l’Educazione. Come anche in Italia, e più in generale in Europa, le lauree che garantiscono maggiore occupazione e soddisfazione restano Economia e Informatica (computer sciences) o Ingegneria.
Ma qual è il fattore che influenza di più queste discipline tanto da renderle le migliori per chi punta a far carriera? A chiederselo è l’Economist. Che analizza i dati provenienti da Washington sugli stipendi dei laureati in base a Università e/o campo di studi: dimostrano che sono due le strategie per gli studenti con ambizione economico-personale. Negli Stati Uniti solo i laureati nelle università d’élite (la selezione è però impietosa: ammesso uno su quattro, senza parlare dei costi) hanno la garanzia di poter aspirare ad un ottimo posto di lavoro dopo la laurea. . La seconda opzione è quella di puntare su una buona università – questo è ovvio – e di scegliere un corso a forte indirizzo matematico.
corriere.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Zaki, l’Università di Bologna: mobilitazione finché non torna qui

Next Article

Accordo di collaborazione tra Università di Perugia e Onaosi

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.