Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

“La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l’ineludibile discrezionalità della scelta”, parole della ministra Cristina Messa
Pisa – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella accompagnato dal Ministro dell’univrsità e della ricerca Maria Cristina Messa e dal Rettore Paolo Mancarella, visita l’Università di Pisa, in occasione dell’inaugurazione dell’Anno Accademico 2020-2021, oggi 18 ottobre 2021. (Foto di Paolo Giandotti – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

“Questa cerimonia cade a ridosso di alcuni eventi di segno opposto per la nostra comunità scientifica. Da un lato il riconoscimento della qualità della ricerca con il premio Nobel a Giorgio Paris, nonché la recente pubblicazione delle linee guida per accedere agli investimenti sulla ricerca di filiera del Pnrr; dall’altro episodi legati ai concorsi, che sebbene isolati, circoscritti e da verificare, fanno, a prescindere dalla fondatezza o meno, molto rumore e danno“. Così la ministra dell’Università e della Rircerca, Maria Cristina Messa, intervenendo all’inaugurazione dell’anno accademico dell’università degli studi di Pisa e alla presenza del Capo dello Stato Sergio Mattarella, ha difeso la comunità scientifica italiana travolta dall’ennesimo scandalo dei concorsi truccati.

Messa difende la comunità scientifica

“Occorre fare chiarezza – ammonisce la ministra – la comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l’ineludibile discrezionalità della scelta – ha continuato Messa -. Un tema da affrontare tenendosi altresì conto che sono state attribuite alle università molte più funzioni rispetto a quella originaria. Funzioni e attività rubricate nel macro contenitore Terza Missione, dove si spazia dalla valorizzazione dei risultati della ricerca alla creazione di sinergie virtuose con i territori, fino alla comunicazione scientifica”.

Università e scienza: le parole del presidente Mattarella

Mentre il presidente Sergio Mattarella dal palco ringrazia i giovani per lo sforzo e ricorda che “la vera forza del nostro Paese: il senso civico che la nostra gente esprime, coltiva, manifesta e pone in essere. E di questo senso civico, questo senso delle comunità, gli atenei sono un punto di formazione decisivo. La formazione, la trasmissione del sapere, del senso critico, del senso verso il futuro è compito degli atenei. Per questo è importante quanto fanno, e per questo auguro a questo Ateneo buon anno accademico”.

Parole che hanno trovato eco anche nel discorso del Rettore Paolo Mancarella, in particolare nel ricordare i mesi di emergenza appena trascorsi. “Vogliamo, signor Presidente – ha detto il Rettore – un Ateneo sempre più inclusivo, capace di tutelare pienamente quello che è il diritto allo studio di ogni nostro giovane. Ma soprattutto un’Università in cui si rifuggono, con ogni mezzo, la parcellizzazione delle competenze, gli interessi peculiari e le miopie corporative”. Parole che invece redarguiscono quel mondo scientifico che la ministra dice sano.

Il Presidente Mattarella, accompagnato dal Rettore Mancarella, si è soffermato nelle due aule magne prima di inaugurare simbolicamente la nuova Biblioteca di Scienze giuridiche, economiche e sociali. Il corteo si è quindi spostato al PalaCus di via Federico Chiarugi per la cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2021/2022 a partire dalle 11. Alla presenza del Presidente Mattarella, il Coro e l’Orchestra dell’Università di Pisa hanno eseguito l’Inno di Mameli. Subito dopo è intervenuta la Ministra dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, e il rettore Paolo Maria Mancarella ha letto il suo Indirizzo di saluto.

Leggi anche:

Total
42
Shares
Lascia un commento
Previous Article

UNDESA Fellowships Programme: Stage per Italiani nelle organizzazioni internazionali in paesi in via di sviluppo

Next Article

Mattarella agli studenti: "Contrastare deriva antiscientifica"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".