Università, lauree in corso a giugno e tasse rimandate: novità nel Cura Italia

Le sedute di laurea slittano al 15 giugno e molti Atenei hanno prorogato le tasse al 30 maggio 2020. Queste e altre novità nel Cura Italia per l’emergenza coronavirus.

Anche l’università è stata duramente coinvolta nell’emergenza generata dalla COVID-19. Gli atenei sono chiusi fino al 3 aprile 2020, salvo proroghe, e, ove possibile, didattica ed esami si stanno svolgendo in via telematica. Il decreto Cura Italia con le misure per la ripresa economica del Paese prevede diverse novità per il mondo universitario: le sedute di laurea programmate per il mese di marzo slittano a partire dal 15 giugno 2020, vale a dire che gli studenti avranno più tempo per laurearsi in corso.

Anche le tasse universitarie potrebbero subire una proroga: indiscrezioni parlano di uno slittamento al 30 maggio, decisione da confermare nei prossimi giorni. Ecco tutte le novità del decreto che riguardano università, professori e studenti universitari.

Cura Italia: tutte le lauree rimandate a giugno

L’ultimo decreto ministeriale per l’emergenza coronavirus ha stabilito importanti novità per gli studenti universitari. Data l’impossibilità di recarsi fisicamente negli atenei e organizzare incontri con i professori, tutte le sedute di laurea dell’anno accademico 2018/2019, calendarizzate per i mesi di marzo-aprile, slittano a partire dal 15 giugno. Una manna dal cielo per chi era rimasto indietro con la scrittura della tesi. I laureati a giugno saranno considerati comunque in corso, e quindi esonerati dal pagamento di ulteriori tasse.

Slittano anche tutte le scadenze previste per la consegna e la revisione delle tesi.

Svolgimento e valutazione della didattica a distanza

Fino al 3 aprile 2020, salvo ulteriori proroghe, le Università sono chiuse agli studenti. Ad essere sospese non solo le lezioni ma anche l’attività di tutorato e di orientamento. Le attività di verifica dell’apprendimento e la valutazione sono rimesse alle disposizioni dei singoli atenei. Questo vale sia per gli studenti che per i ricercatori universitari a tempo determinato. Le attività formative e di servizio agli studenti in modalità telematica a distanza sono validi ai fini degli scatti stipendiali biennali.

Abilitazione professori universitari

Il Cura Italia interviene anche sul delicato tema dell’abilitazione alla cattedra universitaria. La data di presentazione delle domande per candidarsi all’abilitazione scientifica nazionale slitta al 10 luglio per il quarto quadrimestre del triennio 2018-2020 e al 10 novembre per per il quinto quadrimestre.

Laurea in Medicina e Chirurgia immediatamente abilitante

Grande novità per i futuri medici: con il Cura Italia scompare l’esame di abilitazione, anche dopo l’emergenza coronavirus. La tesi di laurea sarà immediatamente abilitante, previa valutazione del periodo di tirocinio obbligatorio.

Tasse universitarie verso lo slittamento al 30 maggio

Per quanto riguarda le tasse universitarie manca ancora una decisione univoca. La richiesta del Governo è quella di fare uno sforzo ulteriore e di prorogare la scadenza delle tasse da versare a marzo-aprile al 30 maggio 2020. Molti atenei hanno già provveduto (ad esempio a Firenze e in Basilicata) e presumibilmente seguiranno molte altre.

money

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, scuole chiuse, dalle assenze alle valutazioni: le falle della didattica online

Next Article

Più tempo per laurearsi in corso, verso lo slittamento delle tasse universitarie

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.