Università di Trento: trovata la chiave dell'infezione da virus

Un gruppo di ricerca interdisciplinare, coordinato dall’Università di Trento e dall’Università Federico II di Napoli, ha scoperto come l’assalto dei virus alla cellula umana avvenga attraverso “zattere lipidiche” (ispessimenti della membrana) che consentono ai microrganismi di aprirsi un varco, penetrare e diffondersi.

Il lavoro, pubblicato su “Journal of the mechanics and physics of solids”, sulla base di conoscenze biomediche e ingegneristiche potrebbe suggerire nuove strategie per limitare l’attacco, prevenire e contrastare Sars e Covid-19.

Dallo studio emerge che il virus si presenta come un ligando, molecola in grado di formare un complesso che svolge o induce una funzione biologica, e la membrana risponde con degli ispessimenti localizzati. Questi ispessimenti, chiamati “zattere lipidiche”, consentono al virus di aprirsi un varco e di penetrare all’interno della cellula.

La ricerca è stata diretta da Luca Deseri, Nicola Pugno e dall’équipe di Massimiliano Fraldi. Hanno collaborato i ricercatori della Carnegie Mellon University, dell’Università di Pittsburgh, dell’Università di Palermo e dell’Università di Ferrara.

L’adige

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, studio di Harvard rivela: "Virus a Wuhan già in agosto"

Next Article

Uffici abbandonati, ville ed ex ospedali: a Savona individuati i locali dove fare scuola

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.