Università di Trento: trovata la chiave dell'infezione da virus

Un gruppo di ricerca interdisciplinare, coordinato dall’Università di Trento e dall’Università Federico II di Napoli, ha scoperto come l’assalto dei virus alla cellula umana avvenga attraverso “zattere lipidiche” (ispessimenti della membrana) che consentono ai microrganismi di aprirsi un varco, penetrare e diffondersi.

Il lavoro, pubblicato su “Journal of the mechanics and physics of solids”, sulla base di conoscenze biomediche e ingegneristiche potrebbe suggerire nuove strategie per limitare l’attacco, prevenire e contrastare Sars e Covid-19.

Dallo studio emerge che il virus si presenta come un ligando, molecola in grado di formare un complesso che svolge o induce una funzione biologica, e la membrana risponde con degli ispessimenti localizzati. Questi ispessimenti, chiamati “zattere lipidiche”, consentono al virus di aprirsi un varco e di penetrare all’interno della cellula.

La ricerca è stata diretta da Luca Deseri, Nicola Pugno e dall’équipe di Massimiliano Fraldi. Hanno collaborato i ricercatori della Carnegie Mellon University, dell’Università di Pittsburgh, dell’Università di Palermo e dell’Università di Ferrara.

L’adige

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, studio di Harvard rivela: "Virus a Wuhan già in agosto"

Next Article

Uffici abbandonati, ville ed ex ospedali: a Savona individuati i locali dove fare scuola

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"