Università di Pavia, concorso per laureati e diplomati

L’Università degli Studi di Pavia ha pubblicato 2 bandi di concorso per l’assunzione a tempo indeterminato di 2 risorse, da impiegare nei seguenti ruoli professionali:

  • n.1 risorsa in area amministrativa (categoria C/C1) per le esigenze del Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali (sede di Cremona);
  • n.1 risorsa in area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati (categoria D/D1), per le esigenze del Servizio Innovazione Didattica e Comunicazione digitale (Project UV).

Per partecipare ai concorsi dell’Università di Pavia per Laureati e Diplomati, sono necessari i requisiti generici di seguito riassunti:

  • cittadinanza italiana o di un altro Stato dell’UE o di uno dei Paesi riportati sui bandi;
  • età non inferiore a 18 anni;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • regolarità degli obblighi di leva per i nati entro il 31 dicembre del 1985;
  • non essere stato escluso dall’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione, né essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un impiego statale;
  • non aver riportato condanne che comportino l’interdizione dai pubblici uffici.

Inoltre, in merito alle posizioni a concorso, sono necessari i titoli di studio e i requisiti specifici di seguito indicati:

Diploma di scuola superiore di secondo grado.

  • Laurea Specialistica o Magistrale o Diploma di Laurea;
  • esperienza lavorativa di almeno 2 anni presso enti pubblici e/o provati con ruolo inerente all’assistenza tecnica informatica.

La presentazione delle domande di partecipazione deve avvenire per via telematica, utilizzando la piattaforma Pica il cui link è riportato nei rispettivi bandi. La procedura deve essere completata entro le ore 12:00 del 2 novembre 2020.

Per la partecipazione ai concorsi è prevista la tassa di concorso dell’importo di 12 euro, da pagare secondo le modalità spiegate nei bandi.

Ogni altro dettaglio in merito alle istanze di partecipazione è riportato nei bandi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, Bonaccini: "Didattica a distanza o orari differenziati". Conte: "Blocco scuole non è soluzione"

Next Article

Salerno, il bambino con il grembiule blu seduto davanti la scuola chiusa

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.