Università di Pavia, concorso per laureati e diplomati

L’Università degli Studi di Pavia ha pubblicato 2 bandi di concorso per l’assunzione a tempo indeterminato di 2 risorse, da impiegare nei seguenti ruoli professionali:

  • n.1 risorsa in area amministrativa (categoria C/C1) per le esigenze del Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali (sede di Cremona);
  • n.1 risorsa in area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati (categoria D/D1), per le esigenze del Servizio Innovazione Didattica e Comunicazione digitale (Project UV).

Per partecipare ai concorsi dell’Università di Pavia per Laureati e Diplomati, sono necessari i requisiti generici di seguito riassunti:

  • cittadinanza italiana o di un altro Stato dell’UE o di uno dei Paesi riportati sui bandi;
  • età non inferiore a 18 anni;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • regolarità degli obblighi di leva per i nati entro il 31 dicembre del 1985;
  • non essere stato escluso dall’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione, né essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un impiego statale;
  • non aver riportato condanne che comportino l’interdizione dai pubblici uffici.

Inoltre, in merito alle posizioni a concorso, sono necessari i titoli di studio e i requisiti specifici di seguito indicati:

Diploma di scuola superiore di secondo grado.

  • Laurea Specialistica o Magistrale o Diploma di Laurea;
  • esperienza lavorativa di almeno 2 anni presso enti pubblici e/o provati con ruolo inerente all’assistenza tecnica informatica.

La presentazione delle domande di partecipazione deve avvenire per via telematica, utilizzando la piattaforma Pica il cui link è riportato nei rispettivi bandi. La procedura deve essere completata entro le ore 12:00 del 2 novembre 2020.

Per la partecipazione ai concorsi è prevista la tassa di concorso dell’importo di 12 euro, da pagare secondo le modalità spiegate nei bandi.

Ogni altro dettaglio in merito alle istanze di partecipazione è riportato nei bandi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, Bonaccini: "Didattica a distanza o orari differenziati". Conte: "Blocco scuole non è soluzione"

Next Article

Salerno, il bambino con il grembiule blu seduto davanti la scuola chiusa

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.