Coronavirus, Bonaccini: "Didattica a distanza o orari differenziati". Conte: "Blocco scuole non è soluzione"

“Se i contagi da coronavirus dovessero ulteriormente aumentare, per non far perdere l’anno scolastico ai ragazzi le soluzioni sono due: o si introduce la didattica a distanza (parziale, totale) o si differenziano gli orari della scuola”. Lo ha detto Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni, a Mattino 5.

“Chiudere così in blocco le scuole non è la migliore soluzione”, è la risposta di Giuseppe Conte dal Consiglio europeo in assist alla ministra Azzolina sullo scontro con i presidenti di Regione che spingono per la didattica a distanza in ambito scolastico. Bonaccini ha poi chiarito: “Io sono tra quelli che difendono la scuola in presenza, poi però se c’è il virus hai anche genitori che sono preoccupati del possibile contagio”. Sul fatto che servano più mezzi di trasporto, ha spiegato il caso della sua Regione: “Non abbiamo più mezzi pubblici. O qualcuno ce li manda con risorse aggiuntive ai sindaci o diventa impossibile”. Quanto all’ipotesi di utilizzare i bus turistici per gli studenti, non è di facile realizzazione: “Non sono uguali ai mezzi pubblici delle città. E’ una soluzione possibile, ma servono risorse per gli enti locali”. 

De Luca? “Avrà avuto le sue buone ragioni” – Sulla decisione di De Luca di chiudere le scuole, “avrà avuto i suoi buoni motivi”, ha detto il governatore dell’Emilia Romagna. E ha aggiunto: “La Campania ha contagi in termini assoluti molto elevati e soprattutto una percentuale di positivi sulle persone sottoposte a tampone tra le più alte in Italia. De Luca è appena stato rieletto. Immagino che i cittadini lo abbiano considerato come una persona capace, competente, affidabile”. 

“Confronto con il governo” – Secondo Bonaccini è necessario “provare insieme al governo a fare valutazione e decidere” dopo il picco dei contagi, “anche per capire come seguire la curva epidemiologica, esplosa negli ultimi giorni”. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Daphne Caruana Galizia, il Parlamento Europeo istituisce il premio intitolato alla giornalista assassinata

Next Article

Università di Pavia, concorso per laureati e diplomati

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident