Università di Palermo, sì a rimborsi per studenti a baso reddito: online il bando

Gli aiuti sono destinati agli allievi che si trovano nella fascia di reddito zero e non beneficiano di contributi o alloggi Ersu. Il rettore Fabrizio Micari: “Quella del nostro ateneo è una comunità unita e solidale, in cui nessuno viene lasciato solo”

Università in campo per aiutare gli studenti a reddito basso. Alla luce dell’attuale emergenza sanitaria, l’ateneo ha pubblicato un bando per l’erogazione di un contributo finalizzato a sostenere gli studenti di un corso di laurea, laurea magistrale e laurea magistrale a ciclo unico, che si trovano nella fascia di reddito zero e non beneficiano di contributi e/o alloggi Ersu (per l’anno accademico 2019/2020).

“In questa emergenza la nostra priorità è stata da subito quella di garantire la continuità didattica, fare in modo che le nostre studentesse e i nostri studenti non subissero alcun arresto nel loro percorso formativo – commenta il rettore Fabrizio Micari, che annuncia il bando agli studenti con un videomessaggio – Anche per questo motivo abbiamo deciso di dare un ulteriore sostegno, costituendo un apposito fondo per contribuire alle spese relative alla vita universitaria dei nostri iscritti più bisognosi. In questo momento così difficile per tutti vogliamo dire ai nostri ragazzi e alle loro famiglie che sono nel nostro cuore. Quella del nostro ateneo è una comunità unita e solidale, in cui nessuno viene lasciato solo”.  

Le risorse del Fondo che l’ateneo ha stabilito di destinare a questa importante iniziativa – sottolinea il direttore generale, Antonio Romeo – ammontano a oltre trecentomila euro. Dopo un’attenta ricognizione questo contributo straordinario, in un momento di emergenza quale è quello che stiamo vivendo, è stato recuperato, dalle varie voci di bilancio, da tutte le strutture e dalle diverse componenti accademiche, docenti, personale tecnico amministrativo e gli stessi studenti, sulle spese connesse a viaggi, missioni, lavoro straordinario, utenze e convegni. Grazie a tutti per l’apporto”.

Gli studenti in possesso dei requisiti possono richiedere un rimborso massimo di 70 euro per spese documentate, sostenute nel periodo compreso dal 10 marzo al 20 aprile 2020, per alloggi – affitti; utenze domestiche; connessione internet; attrezzature informatiche; libri e materiale didattico.

La domanda di partecipazione deve essere inoltrata, secondo le modalità previste dal bando, entro le 18.00 di lunedì 20 aprile 2020 tramite il portale studenti www.studenti.unipa.it.

palermotoday

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nessun esame di terza media Solo una tesina

Next Article

Lecce, università cinese dona mascherine all'ateneo salentino

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale