Università di Bologna – La storia dell’usciere innamorato: arrestato per stalking

università di bologna

Voleva uscire con lei, così escogitava tutti i modi pur di convincerla. Un usciere dell’Università di Bologna è stato arrestato con l’accusa di stalking e tentate lesioni gravi, dopo una vera e propria persecuzione nei confronti di una sua collega.

Ad incastrarlo ci hanno pensato le telecamere fatte installare dalla Procura e dai carabinieri. L’uomo aveva ripetutamente chiesto alla donna, una sua collega, di uscire con lui, ma in cambio aveva ottenuto solo un rifiuto. Per convincerla era arrivato ad escogitare i modi più assurdi: iniettava siringhe di morfina o di cloroformio nelle bottigliette d’acqua e le lasciava sulla scrivania della giovane donna.

La vicenda ha inizio ai primi di dicembre quando la donna, 31 anni, impiegata in un ufficio di segreteria, si è accorta che la bottiglietta d’acqua che era solita lasciare sulla scrivania, anche oltre l’orario di chiusura, era torbida. Visto che non era la prima volta che succedeva – prima non aveva dato peso e l’aveva svuotata – ha deciso di portare la bottiglia ai carabinieri: i Nas hanno fatto analizzare il liquido al laboratorio di tossicologia forense e hanno scoperto tracce di morfina.

La donna ha così raccontato la vicenda aggiungendo che poco prima aveva trovato anche delle rose e una scatola di cioccolatini sulla sua scrivania. Con la collaborazione dell’Università, poi, si è deciso di installare le telecamere, visti i ripetuti ritrovamenti della donna di bottigliette d’acqua alterate.

L’usciere innamorato si è difeso dicendo che voleva solo controllare che la bottiglia fosse regolare, ma nel suo armadietto le forze dell’ordine hanno trovato delle fiale e liquidi sospetti, con siringhe e veleno per topi.

Poco prima di Natale, ecco l’arresto. L’usciere si è avvalso della facoltà di non rispondere. La donna, però, è caduta in uno stato d’ansia, che difficilmente le farà dimenticare la vicenda.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sogni di studiare all'estero? Ecco le guide di CorriereUniv

Next Article

Tre scienziati italiani premiati per le cellule staminali: sono i primi europei al mondo

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.