Università, al Nord le tasse più salate

La più cara è quella di Parma, con una retta di 1005,87 euro annui per le facoltà scientifiche e di 890,05 per quelle umanistiche, pari al +103% in più rispetto alla media nazionale. Anche quest’anno, gli atenei del Nord si riconfermano i più costosi: in media del 13,5% rispetto alla media nazionale. E’ quanto emerge dal secondo Rapporto sui costi delle tasse universitarie negli atenei italiani messo a punto dall’Osservatorio nazionale Federconsumatori.  

Le università del Nord sono più care rispetto a quelle del Sud, in media, del 28,3%. Divario che si fa ancora più evidente prendendo in considerazione l’ultima fascia, quella per i redditi più alti: le Università del Nord risultano in questo caso più care del 68% rispetto a quelle del Sud.

Al secondo posto si trova invece l’Università degli studi di Verona (con una retta annuale di 613,18 Euro per le facoltà umanistiche e 671,22 Euro per le facoltà scientifiche), seguita dalla Statale di Milano. Scendendo verso Roma, invece, la situazione cambia: per le scientifiche gli studenti della Sapienza pagano 549 euro, quelli di Tor Vergata 433; per le umanistiche chi frequenta la prima paga 521 euro, la seconda sempre 433.

In termini generali, invece, sono gli atenei del Sud ad applicare tasse più basse, con l’Università Aldo Moro di Bari in testa alle università che costano meno (sempre considerando la prima fascia), anche se bisogna sottolineare che parte dell’importo della retta è dovuta al merito: una votazione media bassa o un basso numero di crediti conseguiti, quindi, si traduce in un aumento delle tasse.

Complessivamente, rispetto al 2010, si registra una lieve diminuzione delle tasse universitarie per la 1 e la 2 fascia di reddito considerata (rispettivamente -1% e -4%), mentre i costi per gli studenti appartenenti alla 4 e la 5 fascia aumentano, rispettivamente, del +4% e del +10%.

Estremamente interessante è la situazione che emerge guardando al raffronto generale sul costo dell’università per le famiglie. La maggior universitaria pari a 515,82 Euro, esattamente come la famiglia monoreddito di un operaio non specializzato. Questi dati, se affiancati a quelli della crescente evasione fiscale e della diminuzione degli investimenti sulla pubblica istruzione, fanno emergere un quadro drammatico: si andrà sempre più verso un aumento degli studenti che appartengono o dichiarano di appartenere alle prime fasce, e quindi una diminuzione delle risorse da distribuire agli studenti che realmente ne hanno bisogno. “Anche qui, come in altri settori in cui si utilizza come parametro l’ISEE, i figli degli operai alla catena di montaggio pagano di più dei figli dei gioiellieri.” – dichiara Rosario Trefiletti, Presidente Federconsumatori.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Piano lavoro, il modello Campania

Next Article

Affitto accessibile ai giovani

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.