Piano lavoro, il modello Campania

Ad un anno i primi risultati di “Campania al lavoro!” : cresce l’occupazione, invariato il costo del lavoro

Campania al lavoro!”, il Piano di Azione per il Lavoro della Regione Campania compie un anno.
I risultati raggiunti dal programma lanciato per favorire l’occupazione sono stati presentati a palazzo Santa Lucia dall’Assessore al Lavoro Severino Nappi (in foto) con Paolo Gargiulo, Dirigente dell’area istruzione, educazione e formazione e Patrizia Di Monte, direttore generale dell’agenzia per il lavoro e l’istruzione (ARLAS).

“Siamo qui per commentare insieme i risultati di una politica che vuole far vedere ciò che si è fatto – ha aperto Nappi passando da subito ai numeri – finora sono stati investiti 530 milioni di euro e coinvolte 56 mila persone in tutta la regione”.

I dati Istat al 30 settembre 2011 consegnano un saldo positivo dell’occupazione con 30mila unità nell’anno in corso e presto sarà possibile conoscere i dati reali su tipologia di contratti attraverso l’osservatorio sul lavoro. Cresce l’occupazione ma il costo del lavoro sostenuto dalle aziende campane – senza toccare la retribuzione – è il più basso d’Italia grazie agli incentivi del Piano Lavoro.

“Il dato più interessante è che cresce la partecipazione al mercato del lavoro con un +1,2%. Una svolta col passato. Quando sono arrivato – racconta l’Assessore – la gente chiedeva un corso di formazione, non importava formarsi e scegliere il corso giusto, obiettivo erano quei 5€circa all’ora.
La vera svolta è questa: Campania al Lavoro non fa selezionare alla politica le persone, queste vengono scelte dalle imprese”. Accessibilità a tutti, dunque.
E priorità a donne, giovani e disoccupati.

Tra poco verrà lanciato un bando nazionale sul modello di ciò che la Campania ha fatto lo scorso febbraio con questo grande progetto: formazione continua in azienda; dottorati in azienda (la prima volta in Italia), work experiences per l’inserimento lavorativo di persone con disabilità, turismo e green economy per i quali è previsto un vero e proprio boom di partecipazione.

“Proseguiamo su questa strada” – ha chiuso l’Assessore anticipando la presentazione – entro fine anno – della rete di Università, agenzie interinali per il lavoro, centri per l’impiego e imprese.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Master sugli abusi minorili

Next Article

Università, al Nord le tasse più salate

Related Posts
Leggi di più

Napoli, nasce la Scuola dei Maestri di Strada

È un progetto sociale che mette alla prova il contratto fra le generazioni. L'inclusione sociale implica un cambiamento dell'intera struttura sociale", spiega Cesare Moreno, presidente di Maestri di Strada onlus.