Master sugli abusi minorili

Master in “La valutazione e l’intervento in situazioni di abuso all’infanzia e pedofilia” dell’Università di Modena e Reggio Emilia, in collaborazione con Telefono Azzurro.

Scade il 17 ottobre 2011, il termine per presentare la domanda di ammissione per il Master di II livello in “La valutazione e l’intervento in situazioni di abuso all’infanzia e pedofilia” dell’Università di Modena e Reggio Emilia, realizzato in collaborazione con Telefono Azzurro.

Il Master, giunto alla sesta edizione e di durata annuale, riunisce i più importanti esperti di infanzia e adolescenza – neuropsichiatri infantili, psicologi, assistenti sociali, magistrati, avvocati e operatori delle forze dell’ordine – con un unico obiettivo: creare figure professionali in grado di lavorare in ambito psico-forense per progettare, realizzare e valutare interventi in situazioni di abuso all’infanzia.

A dirigerlo è il Professore Ernesto Caffo, Ordinario di neuropsichiatria infantile dell’Ateneo di Modena e Reggio Emilia.

Il bando per l’anno accademico 2011-2012 è disponibile sul sito dell’università, nella sezione bandi

Sono quaranta i posti disponibili e c’è tempo fino al 17 ottobre 2011 per presentare la domanda di ammissione.

Agli avvocati di tutto il territorio nazionale saranno riconosciuti 8 Crediti formativi per tre moduli del Master (per un massimo di 24 Cf), previa presentazione dell’attestato di partecipazione.

Per l’ammissione i candidati devono possedere una laurea (di II livello o a ciclo unico) in Medicina e Chirurgia, Psicologia, Scienze dell’Educazione, Giurisprudenza, Scienze politiche, Sociologia e Servizio sociale.

La selezione avverrà per titoli e ed esami. Il costo di iscrizione è di 3.000 euro rateizzabili.

Laddove non si possiedano i titoli necessari, inoltre, è possibile frequentare il corso come semplici uditori versando una quota di 1.000 euro e ricevendo un attestato di partecipazione.

L’impegno didattico richiesto ai partecipanti è di 1.500 ore complessive di attività (60 Crediti formativi universitari), suddivise in lezioni frontali, laboratori virtuali interattivi, seminari formativi e uno stage di 450 ore in strutture specializzate.

“Viste le gravi conseguenze prodotte dall’abuso sui bambini e sugli adolescenti, la complessa personalità degli abusanti e l’alto tasso di recidiva dei reati di violenza sessuale, – commenta il Professore Ernesto Caffo – è evidente la necessità di individuare efficaci strategie di intervento in questo settore, sviluppando nuove professionalità e promuovendo la qualificazione di quelle che già operano nell’ambito della tutela dell’infanzia e dell’adolescenza”.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi alla coordinatrice didattica, dott.ssa Barbara Forresi, scrivendo all’indirizzo email: [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Terapie personalizzate, a Napoli il meeting

Next Article

Piano lavoro, il modello Campania

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.