Unisob: party di fine anno all’insegna dell’american style

Una festa in american style quella del Suor Orsola Benincasa di Napoli con il “Sunset Apertif Sob”, il party di fine anno accademico che si è svolto in ateneo lo scorso mercoledì .
Rettore d'Alessandro e Paola Villani

Una festa in american style quella del Suor Orsola Benincasa di Napoli con il “Sunset Apertif Sob”, il party di fine anno accademico che si è svolto in ateneo lo scorso mercoledì . “Lo spirito del nostro Ateneo – ha infatti dichiarato il Rettore d’Alessandro è proprio quello di offrire agli studenti una vita universitaria completa, fatta di saperi non solo accademici, ma anche di occasioni di aggregazione e di crescita personale come avviene nei campus universitari anglosassoni e statunitensi”.

Discoteca sotto le stelle, musica dal vivo e tanto divertimento per un’attività tutta nuova nel panorama accademico della penisola. A fare la parte migliore la location dell’evento, la spettacolare terrazza della sede centrale della cittadella universitaria di Suor Orsola, posta alle pendici del Colle Sant’Elmo ed affacciata sul Golfo di Napoli.

Il party, organizzato dal Servizio di Orientamento del Suor Orsola diretto da Paola Villani e realizzato in collaborazione con un team di cinque studenti (Davide Di Bernardo, Marco Di Falco, Pierluigi Ferrillo, Andrea Marsico e Fabrizio Scippa) è stato anche il momento per la cerimonia di premiazione della prima edizione dello “Studente dell’anno”, un premio al merito per i suororsolini più bravi (basato sulla media dei voti e crediti formativi accumulati nell’anno accademico).

E per la serie viva il girl power, ad aggiudicarsi i primi tre posti: Marta Pollio (Conservazione dei Beni Culturali) Ermelinda Di Girolamo (Scienze della Formazione primaria) e Giusy Di Pietro (Scienze Pedagogiche). Ad ogni vincitore un assegno della Deutsche Bank di 200 euro in formato mega sullo stile del “chi vuole essere milionario” con il vincolo di spesa all’acquisto di libri.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cosa si aspettano i giovani dall'università?

Next Article

Test pilotati, sei arresti

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".