Unior: fondi per inziative degli studenti

L’Università Orientale ha attivato il bando per l’assegnazione di fondi destinati ad iniziative culturali proposte dagli studenti.

L’Università Orientale di Napoli ha attivato il bando per l’assegnazione di fondi destinati ad iniziative culturali e sociali proposte dagli studenti dell’ateneo.
Per poter beneficiare dei fondi possono presentare domanda: le associazioni studentesche che hanno rappresentanza in consiglio di facoltà, altre associazioni che contano all’interno dell’università almeno cinquanta studenti da non più di un anno ed infine gruppi di studenti di almeno cinquanta persone. Accanto alla domanda di partecipazione dovrà essere allegata una relazione analitica dell’iniziativa e dell’attività che si intende intraprendere e una nota con un dettaglio delle spese che si prevede sostenere.
Si invitano gli studenti a presentare la domanda entro e non oltre le ore 12.00 del 22 ottobre presso l’Ufficio Affari Interni e Pubbliche Relazioni sito in via Chiatamone. Per avere maggiori informazioni consultare il bando.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage con DHL

Next Article

Summer school sostenibile in Puglia

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.