Unimc, porte aperte alle matricole

L’Università di Macerata apre le porte alle matricole anche d’estate, con «Apertamente per te», nuovo servizio di accoglienza estiva

 
L’Università di Macerata apre le porte alle matricole anche d’estate, con «Apertamente per te», nuovo servizio di accoglienza estiva organizzato dalle Facoltà in collaborazione con il Centro orientamento di Ateneo. Docenti e tutor saranno a disposizione per illustrare l’offerta formativa dell’università, tutte le opportunità e i servizi offerti.
Il calendario con orari e docenti presenti nelle varie facoltà è consultabile all’indirizzo internet https://orientamento.unimc.it e sui siti delle Facoltà. Dal 2 agosto, inoltre, ogni giovedì dalle 9:30 alle 13 e dalle 14:30 alle 17 sarà attivo al Centro orientamento e tutorato in via Piave, 42 il servizio gratuito di consulenza orientativa, volto a supportare lo studente nel processo di scelta e di individuazione dei propri interessi e motivazioni.
Presso lo stesso Centro orientamento e tutorato, tutti i martedì e i giovedì dalle 9:30 alle 12, un operatore dell’Ersu sarà a disposizione di matricole e studenti universitari per rispondere a tutte le domande relative a borse di studio, alloggi, servizi di ristorazione e sugli altri servizi erogati dall’Ente. Infine, è già possibile iscriversi alla giornata della matricola che si terrà venerdì 24 settembre (collegandosi al sito https://orientamento.unimc.it): si potranno incontrare docenti e tutor delle sette Facoltà e visitare le sedi dell’Ateneo. I primi 50 studenti che effettueranno la registrazione riceveranno in omaggio uno zainetto unimc.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Informatici a Torino

Next Article

Unibz, tirocini in Svizzera

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale