Unifi: via il crocifisso. “Perché non togliere anche Salomone dal logo?”

crocifisso-velasquez

Per volontà del Rettore, Alberto Tesi, dall’aula magna dell’Università di Firenze è stato rimosso il crocifisso. Si è “ritenuto opportuno che nell’aula magna, sempre più luogo d’incontro e di confronto, non ci debba essere la presenza di simboli confessionali”.
Ed è subito polemica.

“Siamo ancora il Paese di Peppone e Don Camillo? O siamo cresciuti? Verrebbe da chiederselo. La vicenda della scomparsa del crocifisso dall’aula magna dell’Università è emblematica”, ha commentato Andrea Simoncini, professore ordinario di Diritto Costituzionale presso l’Ateneo.

“Se riteniamo, razionalmente, che la sola presenza di un simbolo religioso, ostacoli una discussione laica, le conseguenze sono assurde. Come facciamo a togliere il crocifisso dall’aula magna e lasciare che il logo dell’Università di Firenze (sulla carta intestata) sia Re Salomone?! Che, come dice il sito stesso di Unifi, è un «Re biblico»? Un simbolo per antonomasia della tradizione giudaico-cristiana? E come se si togliesse la croce dallo spogliatoio di una squadra di calcio e poi la si lasciasse sulle magliette”.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Papa: "Scuola cattolica preziosa per la società". E' polemica

Next Article

Roma Tre, Mario Panizza eletto nuovo rettore

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.