Roma Tre, Mario Panizza eletto nuovo rettore

panizza

Il Prof. Mario Panizza Direttore del Dipartimento di Architettura, senatore accademico e docente di Progettazione architettonica, è stato eletto ieri Rettore dell’Università degli Studi Roma Tre al primo turno, con oltre il 60% delle preferenze da parte di tutte le categorie dei votanti.

Il mandato avrà la durata di 6 anni, non rinnovabile, dal 2013 al 2019.

“Sono felice di essere stato eletto con un’ampia maggioranza di tutte le componenti dell’Ateneo. Questo permetterà di lavorare bene e con tranquillità – ha dichiarato il Prof. Panizza – “come Rettore-Architetto cercherò di mettere in atto l’abitudine al lavoro di squadra e la capacità di saper coordinare competenze di tipo diverso. Questo risultato contribuirà a creare un clima di fiducia che ci potrà aiutare a cogliere i difficili obiettivi che ci siamo posti. Ringrazio il Rettore uscente Guido Fabiani e i colleghi candidati.”

Le operazioni di scrutinio si sono concluse ieri sera nella sede del Rettorato in via Ostiense 161 (le votazioni si sono svolte lunedì 13 e martedì 14 maggio).
Alle urne si è presentato l’88% degli aventi diritto al voto (nel 2008 l’affluenza è stata dell’83% e nel 2004 del 62%).

Gli aventi diritto al voto: 870 docenti e ricercatori di ruolo, 33 ricercatori a tempo determinato, 694 unità del personale TAB-Tecnico Amministrativo e Bibliotecario e 100 rappresentanti degli studenti (i voti del personale TAB e degli studenti hanno un peso pari all’15%) per un totale di 1697 aventi diritto.

Gli altri sfidanti erano il Prof. Pietro Grilli Di Cortona, Presidente del Corso di laurea magistrale in Relazioni internazionali, il Prof. Settimio Mobilio, Direttore del Dipartimento di Scienze e la Prof.ssa Giulia Caneva, docente di Botanica ambientale ed applicata e componente del Senato Accademico come rappresentante dei docenti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Unifi: via il crocifisso. "Perché non togliere anche Salomone dal logo?"

Next Article

Parigi, uomo suicida davanti agli occhi dei bambini

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.