Unicef: tirocini in convenzione con le università

Il Comitato italiano per l’UNICEF ospita stagisti sia presso la Sede nazionale di Roma che presso alcuni Comitati Regionali e Provinciali, sempre sulla base di convenzioni stipulate tra l’UNICEF Italia e un ente (per lo più, un ateneo universitario o un coordinamento di Master).
Il tirocinio formativo non è un rapporto di lavoro. Non è prevista quindi alcuna retribuzione o rimborso, e gli oneri assicurativi sono a carico dell’ente partner dell’UNICEF.
Normalmente gli enti e gli istituti universitari coprono i costi assicurativi degli studenti laureati fino al 18° mese successivo alla laurea.
Il progetto formativo è il punto centrale del tirocinio e deve contenere gli obiettivi e le modalità di svolgimento del tirocinio, la durata ed il periodo di svolgimento; l’eventuale collegamento con il percorso di studi svolto presso l’istituzione di provenienza; il settore di inserimento; i nomi dei due tutor, incaricati dall’ente promotore e dal soggetto ospitante di seguire e valutare il tirocinante.
La durata del tirocinio è variabile, e può estendersi fino a un massimo di 12 mesi.
Per prendere visione del modulo e raccogliere ogni informazione utile si rimanda al link che segue
https://www.unicef.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1275

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cultura a scacchi per futuri medici

Next Article

"La mappa degli atenei facili"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.