UNESCO Lavora con noi: posizioni aperte e come candidarsi

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura cerca, durante l’anno, personale per assunzioni

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura cerca, durante l’anno, personale per assunzioni.

Di seguito vi presentiamo le posizioni aperte e come candidarsi alle offerte di lavoro Unesco. Vi diamo anche informazioni utili sull’agenzia e sulle carriere.

L’ORGANIZZAZIONE

La United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization (Unesco) è un’agenzia specializzata dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. E’ stata istituita nel 1945 ed ha lo scopo di contribuire alla costruzione della pace, allo sradicamento della povertà, allo sviluppo sostenibile e al dialogo interculturale attraverso l’educazione, le scienze, la cultura, la comunicazione e l’informazione. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura ha il proprio headquarter a Parigi ed è guidata dall’attuale Direttore Generale, Audrey Azoulay. Conta oltre 195 Paesi membri e 10 associati, e 53 uffici locali e istituti in vari Stati. Impiega oltre 2mila collaboratori.

L’UNESCO IN ITALIA

L’Italia è stata ammessa all’Unesco nel 1947. La Commissione Nazionale Italiana per l’agenzia ONU è stata istituita nel 1950 e ha sede principale in Piazza Firenze n. 27 – 00186 Roma. Si occupa di di favorire la promozione, il collegamento, l’informazione, la consultazione e l’esecuzione dei programmi dell’Unesco nel nostro Paese. Collabora con il Governo Italiano e le Pubbliche Amministrazioni, ed ha sedi anche a Venezia e Perugia.

UNESCO ASSUNZIONI

Durante l’anno l’agenzia delle Nazioni Unite recluta personale da assumere, prevalentemente, presso la sede di Parigi, ma anche presso altre sedi a livello internazionale. Generalmente, le opportunità di lavoro Unesco sono rivolte a candidati a vari livelli di carriera, dotati della conoscenza della lingua inglese e di quella francese, di cui una a livello ottimo e l’altra a buon livello. Per diversi ruoli è molto gradita la familiarità anche con altre lingue straniere, in particolare arabo, cinese, spagnolo o russo.

Tra le figure ricercate, ad esempio, ci sono professionisti da inserire nello staff internazionale, ovvero individui dotati di elevate competenze tecniche che lavorano come esperti o in ruoli manageriali presso vari Paesi. Oppure funzionari nazionali, ossia persone che lavorano nel proprio Paese di provenienza, in quanto svolgono mansioni che richiedono conoscenze ed esperienze locali. Per questi ruoli si ricercano, per lo più, laureati in educazione, cultura, scienze, scienze sociali e umane, comunicazione, economia aziendale o settori correlati.

Altre offerte di lavoro possono essere rivolte agli addetti ai servizi generali, ossia coloro che si occupano delle attività amministrative e di segreteria, della comunicazione o di altre attività tecniche, quali la manutenzione e la sicurezza degli edifici. A seconda dei profili richiesti, le selezioni possono essere rivolte a diplomati di scuola secondaria, tecnica o professionale, e / o a candidati con qualifiche specifiche nell’ambito del segretariato, business o commerciale.

RICERCHE IN CORSO

Ecco un breve elenco delle figure ricercate in questo periodo, per le quali è possibile candidarsi:

  • Administrative Assistant – Parigi. Candidature entro il 10 dicembre 2020;
  • Individual Consultant – Dakar (Senegal). Candidature entro il 10 dicembre 2020;
  • Consultant for translation (Korean) – Parigi. Candidature entro l’11 dicembre 2020;
  • Consultant for graphic design (Korean) – Parigi. Candidature entro l’11 dicembre 2020;
  • Non-Staff Consultant – Doha (Qatar). Candidature entro il 13 dicembre 2020;
  • Project Manager (Culture) – Parigi. Candidature entro il 15 dicembre 2020;
  • Programme Coordinator (Culture) – Parigi. Candidature entro il 15 dicembre 2020;
  • Chief Procurement and Contracting Officer – Parigi. Candidature entro il 18 dicembre 2020;
  • Programme Assistant – Parigi. Candidature entro il 18 dicembre 2020;
  • Chargé(e) de mobilisation des ressources pour l’Afrique de l’Ouest – Dakar (Senegal). Candidature entro il 18 dicembre 2020;
  • Resource Mobilization Officer for Arab States – Emirati Arabi Uniti. Candidature entro il 18 dicembre 2020;
  • Associate Programme Officer – Transformative Education and Right to Education – Santiago (Cile). Candidature entro il 22 dicembre 2020;
  • Chief of Documents Management Section – Parigi. Candidature entro il 22 dicembre 2020;
  • Advisor for Communication and Information – Rabat (Marocco). Candidature entro il 26 dicembre 2020;
  • Educatrice/Educateur au Jardin des petits et Club des enfants à l’UNESCO (JCU) – Parigi. Candidature entro il 10 gennaio 2021;
  • Animatrice/Animateur au Club des enfants à l’UNESCO (JCU) – Parigi. Candidature entro il 10 gennaio 2021.

OPPORTUNITA’ DI LAVORO A BREVE TERMINE

Periodicamente, l’Unesco seleziona Assistenti temporanei e Consulenti per specifiche esigenze, quali, ad esempio, affrontare momentanei picchi di lavoro o la necessità di avvalersi di esperti per determinate attività. In questi casi, infatti, l’organizzazione ricorre a personale esterno, diverso dal proprio staff permanente, a cui affida degli incarichi professionali temporanei.

contratti di lavoro a breve termine vengono attivati anche per far fronte all’assenza prolungata di membri del personale regolare e per affrontare le emergenze. Così come per ingaggiare Interpreti e Traduttori freelance, o Specialisti in vari ambiti. I soggetti interessati possono inviare un’autocandidatura, per rendersi disponibili in vista di eventuali possibilità di collaborazione con l’Unesco.

COLLABORATORI PER I PROGETTI UNESCO

La United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization utilizza anche contratti a progetto, per assumere personale nell’ambito di progetti o attività di durata limitata nel tempo, finanziati da fondi extra budget. I Collaboratori a progetto possono lavorare sul campo, presso la sede centrale dell’organizzazione o presso istituti e centri che fanno parte dell’Unesco.

AMBIENTE DI LAVORO

Lavorare nell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura significa entrare a far parte di una realtà multiculturale, composta da individui di circa 170 nazionalità diverse. L’Unesco offre ai propri collaboratori un ambiente di lavoro stimolante, che garantisce concrete opportunità di carriera. Si impegna a favorire il benessere e la crescita delle proprie risorse, e favorisce la mobilità geografica dei dipendenti, anche mediante benefici economici.

RETRIBUZIONI E BENEFIT

pacchetti retributivi per i dipendenti dell’Unesco variano in base alle figure professionali, alle sedi e ai settori di inserimento. I salari sono simili a quelli applicati da tutte le agenzie dell’ONU. Per il personale internazionale, ovvero che non lavora nel proprio Paese ma è impiegato a livello locale in altri Paesi, alla paga base si aggiunge una integrazione, diversa per ogni località, calcolata per far sì che tutte le retribuzioni abbiano il medesimo potere di acquisto nelle sedi di riferimento.

Chi lavora presso l’Unesco beneficia anche di diversi vantaggi. Questi possono comprendere indennità per la famiglia o l’educazione dei figli dei collaboratori, sovvenzioni per l’insediamento in una sede delocalizzata o per il trasferimento presso un’altra sede di servizio. Oltre a 30 giorni di ferie all’anno in aggiunta a quelle normalmente previste, assicurazione medica e piani pensionistici.

FORMAZIONE E SVILUPPO

L’Unesco investe molto nella formazione dei propri collaboratori, ai quali offre percorsi formativi in diversi ambiti. Questi comprendono, ad esempio, corsi di lingua araba, cinese, inglese, francese, russa o spagnola, o relativi all’Information Technology. Oppure attività formative per migliorare le capacità manageriali e professionali, e workshop per lo sviluppo della carriera.

L’organizzazione ha adottato un sistema di valutazione delle performance, articolato su base semestrale. Si tratta di uno strumento collaborativo, grazie al quale vengono individuati gli obiettivi di prestazione per ciascun membro dello staff e le eventuali necessità formative o i margini di miglioramento.

OPPORTUNITA’ PER I GIOVANI

L’Unesco offre ai giovani interessanti opportunità di formazione e lavoro presso le proprie sedi. L’inserimento può avvenire attraverso appositi programmi, quali ad esempio, Young Professionals Programme (YPP) o Junior Professional Officer (JPO) / Associate Expert (AE) Programme, percorsi rivolti generalmente a laureati e giovani professionisti qualificati. O, per lo più, tramite l’Internship Programme, il programma di stage Unesco.

Solitamente i tirocini hanno una durata variabile, da 2 a 6 mesi, e non sono retribuiti. Sono rivolti a laureati da non più di un anno o a studenti che stanno conseguendo un secondo titolo universitario, una specializzazione, un master o titoli di studio simili. I tirocinanti devono avere un’età non inferiore a 20 anni e conoscere almeno una lingua straniera tra Inglese e Francese, ad un livello eccellente.

UNESCO LAVORA CON NOI

Le posizioni aperte per lavorare in Unesco vengono pubblicate attraverso la sezione web riservata alle carriere dell’organizzazione. Lo stesso, infatti, viene costantemente aggiornato con le opportunità di impiego disponibili, alle quali è possibile rispondere online. Per farlo occorre registrare il curriculum vitae nel data base dell’Unesco e creare il proprio profilo sulla piattaforma.

La registrazione è gratuita e consente di ottenere le credenziali (username e password) per effettuare il login, necessario per inviare le candidature. Per ciascuna offerta di lavoro è prevista una data di scadenza entro la quale è possibile candidarsi, pertanto per rispondere ad un annuncio bisogna applicare nel rispetto dei termini utili riportati.

Leggi anche:

Total
2
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Autocertificazione Covid Dicembre e Gennaio: modulo pdf da scaricare

Next Article

20 buoni motivi per stare con una ragazza che ama leggere

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.