Un robot a scuola per insegnare a mangiar sano

Schermata 2013-03-13 a 11.54.24

Il progetto “Giocampus Scuola” ha realizzato il primo piccolo robot umanoide che insegna ai ragazzi a mangiare sano.
Si chiama Nao, è alto 50 centimetri ed ha già “frequentato” ben quattro scuole.

E’ in grado di interagire con i bambini e di spiegare loro attraverso il gioco i principi dell’educazione alimentare e motoria.
L’idea è stata realizzata dall’Università e dal Comune di Parma, nonché dal Coni, dall’Ufficio scolastico regionale, dal Cus di Parma e dalla Barilla.

La collaborazione con il San Raffaele di Milano è stata davvero molto preziosa.

Il robottino è infatti già utilizzato all’interno del reparto diabetologia infantile e sta avendo eccellenti risultati.

“Noi puntiamo ad ottenere il medesimo risultato in bambini non affetti da patologie. Nao ci sta affiancando in quattro scuole di Parma, in dodici classi di quarta ed i risultati della sperimentazione sono già molto soddisfacenti”, ha detto Elio Volta, coordinatore del progetto Giocampus.

“Il nostro impegno è da sempre quello di insegnare una corretta alimentazione”, ha detto Luca di Leo, Head of global media relation della Barilla.

“Il nostro compito è quello di essere garanti dei progetti che portiamo nelle nostre scuole e siamo impegnati perché possano essere sempre più efficaci e proficui”, ha detto il vicesindaco di Parma.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sesso, un algoritmo per calcolare i rischi di infezione

Next Article

A scuola ma senza voto. La proposta di un maestro/scrittore

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident