Un mese in terra Lituana

Oggi è un mese che sono arrivata a Vilnius.
31 giorni, 744 ore, 44.640 minuti, 2.678.400 secondi.
Ho già vissuto periodi emotivamente instabili, weekend fuori porta, serate in discoteca, pomeriggi sui libri, cene internazionali, chiamate su Skype, corsi di lituano, confronti tra culture, partite di bowling, inarrestabili risate, insopprimibili pianti, esperimenti culinari, acquisti poco azzeccati, lunghe passeggiate, difficoltà con la lingua, pranzi al sacco in biblioteca e molto altro.
Ma partiamo dall’inizio.
Sono nata a Biella, in Piemonte, dopo il liceo mi sono trasferita a Pavia, in Lombardia, per cominciare l’avventura da studentessa fuorisede di Scienze e tecniche psicologiche. Oggi frequento il terzo anno e sono in Erasmus a Vilnius, in Lituania, per 5 mesi.
L’idea di partecipare a questo progetto Europeo è nata molto tempo fa, con l’arrivo nel mondo universitario, la scoperta delle diversità culturali all’interno dello stesso territorio italiano e la curiosità di conoscere altre differenze in ambito europeo e internazionale. Così ho partecipato al bando, ho superato test di lingua e selezioni all’interno del mio corso di studi, per vincere infine la tanto sognata borsa di studio per la Lituania, pronta per una grande esperienza nella sua capitale, Vilnius.
Questa meta è stata la mia prima scelta, l’unica a cui ambivo veramente. In molti mi chiedono ancora la motivazione, il perché non abbia richiesto di andare in un posto più caldo, più conosciuto, più “da Erasmus”: il mio intento era quello, e lo è tutt’ora, di approfittare di questi 5 mesi per scoprire nuove aree geografiche, visitare Paesi meno “famosi” delle classiche mete, conoscere nuovi modi di vivere e di studiare la Psicologia, approcci diversi che potranno aprire la mia visione sulle cose.
Il 31 agosto 2017 sono partita.
Grazie a Facebook avevo conosciuto due ragazze Italiane che avrebbero condiviso con me un appartamento in posizione centrale e il mio telefono iniziava già a riempirsi di gruppi Erasmus su Whatsapp.
La prima settimana di orientamento universitario organizzato dal gruppo ESN della Vilnius University, con gite, serate a base di karaoke, quiz, speed friending e alcune dritte su come gestire al meglio la vita universitaria e la scelta dei corsi. Ogni studente sarebbe stato affidato a una mentore, come punto di riferimento per l’interno semestre e in pochi giorni sarebbe stato pronto a crearsi una routine, tra lezioni, studio, gite e serate.
31 giorni in territorio lituano sono tanti e vi racconterò di questi e dei prossimi nei successivi articoli e gallerie fotografiche, perché anche le immagini sanno parlare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Benvenuti a Hull (qualcuno ha detto mattoni?)

Next Article

Così inizia la mia avventura - Erasmus Stories

Related Posts
Leggi di più

Granada a Colori

Per uno studente in Erasmus a Jaén, Granada è diversa dalle altre città dell’Andalusia che visiterà durante la…
Leggi di più

Nove mesi di emozioni

Senza nemmeno accorgermene sono già trascorsi nove mesi ed il mio periodo di Erasmus in Portogallo è praticamente…