ULTIM’ORA: Si è dimesso il ministro Josefa Idem: “Lo avevo deciso da giorni”

Josefa Idem dimissioni

Il ministro delle Pari Opportunità Josefa Idem ha dato le dimissioni in seguito alle polemiche sul mancato pagamento della sua casa-palestra di Ravenna.

L’ex canoista, dopo un lungo colloquio con il premier Enrico Letta, ha lasciato l’incarico.

L’ex Ministro ha dichiarato: “Ho voluto condividere le mie dimissioni con Letta a la decisione l’avevo presa da giorni, dopo insulti e accuse. ‘Come Ministra – ha affermato Josefa Idem – ho tenuto duro in questi giorni perche’ in tanti mi avevano detto che questi momenti fanno parte del ‘gioco’. La ‘persona’ Josefa Idem, gia’ da giorni invece, si sarebbe dimessa a causa delle dimensioni mediatiche sproporzionate della vicenda e delle accuse aggressive e violente, nonche’ degli insulti espressi nei suoi confronti”.

Il Presidente del Consiglio ha accolto le dimissioni della Idem.

Solo sabato scorso il ministro (https://corriereuniv.it/wp-admin/post.php?post=62807&action=edit ), nel corso di una conferenza stampa convocata ad hoc, affermava che non era sua intenzione rinunciare all’incarico vista la trasparenza delle sue azioni rispetto al caso dell’Imu non pagata per la sua casa/palestra.

LE REAZIONI. “La canoa ministeriale di Josefa Idem si e’ ribaltata. Le dimissioni del ministro, sono un gesto dovuto verso i cittadini italiani che hanno regolarmente pagato l’ICI prima l’ IMU poi”: cosi’ Nicola Morra portavoce capogruppo del Movimento 5 Stelle al Senato. ”Un caso quello che ha portato alle sue dimissioni, sollevato politicamente in primis dal Movimento 5 Stelle con le interrogazioni in consiglio comunale a Ravenna firmate dal consigliere Pietro Vandini, proseguito con l’interrogazione in Senato lo scorso martedi’ ed in seguito la presentazione della mozione di sfiducia che ora non sara’ piu’ necessaria. Josefa Idem – conclude Morra – defini’ Beppe Grillo ‘un patacca’. Dopo la scuffiata ministeriale sull’IMU , chiediamo educatamente all’ex ministro: chi e’ il patacca?

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Il Ministro Carrozza docente grazie ad un bando irregolare". La smentita netta del Miur

Next Article

Giovani e lavoro, Letta: "Domani a Bruxelles sarò duro"

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".