Giovani e lavoro, Letta: “Domani a Bruxelles sarò duro”

letta a bruxelles

Letta a Bruxelles. ”Ho sollevato una necessita’ raccogliendo un consenso largo e inaspettato: l’Italia ha posto un problema politico e fornito risposte pratiche”. Cosi’ il premier Enrico Letta alla Camera rivendica il successo di ”un traguardo raggiunto: porre al centro del consiglio europeo il nodo del lavoro giovanile”.

Domani e venerdì al Consiglio Ue di Bruxelles “ci attende un confronto duro e importante”, però con la consapevolezza che “se si ferma così com’è l’Europa è perduta” e che “possiamo ripartire” proprio da questo Consiglio. Lo afferma il premier Enrico Letta, intervenendo alla Camera per le comunicazioni in vista della riunione con i capi di Stato e di governo europei.

Al vertice “porrò l’accento una volta ancora sul dramma del lavoro che non c’è, sugli oltre 15 milioni di ragazzi senza lavoro e prospettiva”, e soprattutto “su un’Europa che o dà risposte concrete ai problemi o lentamente muore”. Perchè Letta descrive una Ue “che stenta a uscire dalla recessione, dove sono calati gli investimenti, dove si sono chiusi drammaticamente i rubinetti del credito in alcune Paesi, dove le ombre sulla moneta unica non sono ancora fugati del tutto”.

Come dimostra il fatto che “sono bastate due notizie da Karlsruhe e Atene per dare il segno che la crisi non è ancora finita, per riportare imemdiatamente la tensione sui mercati, far salire i tassi di interesse sul nostro debito e di altri Paesi Ue”. Dunque “il tempo stringe, va contrastata l’inerzia, la difesa di impostazioni rigide, di prerogative nazionale”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

ULTIM'ORA: Si è dimesso il ministro Josefa Idem: "Lo avevo deciso da giorni"

Next Article

Allianz assicurazioni cerca neolaureati

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.