UDU: “Ricetta giusta per far ripartire l’Università non è quella proposta dalla CRUI”

udu contro crui

Non si è fatta attendere la risposta delle associazioni studentesche alle proposte della CRUI contenute nel documento “Verso una nuova Università”.

Ai 18 punti presentati ieri dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane ha risposto oggi Gianluca Scuccimarra, Coordinatore dell’Unione degli Universitari (UDU): “Dopo anni di silenzio e attiva condivisione delle folli politiche di distruzione dell’università, la CRUI si è accorta che il quadro normativo disegnato dalla riforma Gelmini sta soffocando gli Atenei, che il sistema non può reggere ancora a lungo e che sono quindi necessarie immediate misure di rilancio, ma quali sono le “innovative” proposte dei Rettori italiani? Tasse più alte per gli studenti, più precarietà per i ricercatori, e maggiore premialità del sistema di finanziamento, è assurdo!”

Una dura critica quella dell’UDU, che però non si limita semplicemente a indicare le mancanze delle proposte targate CRUI, ma indica anche le direttive da seguire per far ripartire l’Università: “Dobbiamo assolutamente risollevare l’Università Pubblica, ma la ricetta non è certo quella proposta da chi, in questi anni, ha contribuito all’affossamento del sistema – spiega Scuccimarra – ripartiamo dagli studenti, dai giovani ricercatori, dalla parte sana della nostra comunità accademica e dalle nostre proposte: ricominciamo a finanziare il sistema, perché senza risorse l’università muore, garantiamo davvero il Diritto allo Studio, perché priviamo ogni anno migliaia di studenti di un diritto costituzionale, introduciamo il ruolo unico della docenza, per limitare le baronie e ridare spazio ai giovani ricercatori, eliminiamo il numero chiuso, perché siamo terzultimi in Europa per numero di laureati ma escludiamo migliaia di studenti dall’istruzione universitaria, introduciamo un sistema di assicurazione della qualità reale, orientato al miglioramento complessivo del sistema, e non alla scrematura degli atenei sulla base di una falsa logica di merito, punitiva e discriminatoria”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sei scienziati italiani nella lista dei 400 più influenti al mondo

Next Article

A scuola 18 mila assunzioni

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.