Sei scienziati italiani nella lista dei 400 più influenti al mondo

alberto-mantovani (1) scienziati italiani

I sei scienziati italiani più influenti al mondo – Sono 6 gli scienziati italiani che lavorano nel nostro Paese inseriti nella lista dei 400 ricercatori più citati al mondo. La classifica, stilata da un gruppo di studiosi americani coordinato da John Ioannidis, professore di medicina e direttore del Prevention Research Center della Stanford University School of Medicine, è stato pubblicato sullo European Journal of Clinical Investigation.

Il primo italiano in graduatoria è Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’Irccs Humanitas di Rozzano e docente dell’università degli Studi di Milano. Insieme al prof. Mantovani, si piazzano in lista altri cinque ricercatori italiani che hanno deciso di non espatriare e condurre le loro ricerche nel Bel Paese: Antonio Colombo (Università Vita-Salute San Raffaele di Milano), Giuseppe Remuzzi (Istituto Mario Negri di Bergamo), Giuseppe Mancia (Università di Milano Bicocca), Vincenzo Di Marzo (Cnr di Pozzuoli), e Alberto Zanchetti (Università degli Studi di Milano).

Innovativo il metodo utilizzato per stabilire il grado di influenza dei ricercatori: il gruppo di Ioannidis hanno usato il database Scopus, che contiene i dati di oltre 15 milioni di autori di articoli scientifici. Per ogni scienziato è stato calcolato il numero di articoli pubblicati dal 1996 al 2011 e il numero di volte in cui questi articoli sono stati citati.

I dati così ottenuti sono stati usati per calcolare il relativo “h-index”, che viene usato per quantificare la prolificità del lavoro degli scienziati. Normalizzati i risultati, gli studiosi sono riusciti a ottenere una lista finale di 400 nominativi ordinati secondo il numero totale delle citazioni e l’h-index relativo a ciascun autore.

Un ottimo risultato per i ricercatori italiani, presenti, oltre che con i sei scienziati già citati, con altre persolanità operanti, però, al di fuori del nostro Paese come: Carlo Croce (Università dell’Ohio) e Napoleone Ferrara (Genentech Incorporated). Punto negativo, invece, per quanto riguarda le capacità di attrazione dell’Italia nei confronti di studiosi stranieri: nessuno dei 400 citati, italiani esclusi, svolge le sue ricerche nel Bel Paese.

Alberto Mantovani, direttore scientifico dell'Humanitas di Milano
Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’Humanitas di Milano
Antonio Colombo, responsabile della cardiologia interventistica ed emodinamica dell'ospedale San Raffaele di Milano
Antonio Colombo, responsabile della cardiologia interventistica ed emodinamica dell’ospedale San Raffaele di Milano
Giuseppe Remuzzi, direttore dei Dipartimenti di Medicina e dei Trapianti presso l’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo e coordinatore delle Ricerche presso l’Istituto Mario Negri di Bergamo
Giuseppe Remuzzi, direttore dei Dipartimenti di Medicina e dei Trapianti presso l’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo e coordinatore delle Ricerche presso l’Istituto Mario Negri di Bergamo

 

Giuseppe Mancia, professore ordinario e direttore della Clinica Medica e del Dipartimento di Medicina dell'Università Milano-Bicocca presso l'Ospedale San Gerardo di Monza.
Giuseppe Mancia, professore ordinario e direttore della Clinica Medica e del Dipartimento di Medicina dell’Università Milano-Bicocca presso l’Ospedale San Gerardo di Monza.
Vincenzo Di Marzo, direttore di Ricerca presso l'Istituto di Chimica Biomolecolare del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) di PozzuoliEsplora il significato del termine: Vincenzo Di Marzo, direttore di Ricerca presso l’Istituto di Chimica Biomolecolare del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) di Pozzuoli
Vincenzo Di Marzo, direttore di Ricerca presso l’Istituto di Chimica Biomolecolare del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) di PozzuoliEsplora il significato del termine: Vincenzo Di Marzo, direttore di Ricerca presso l’Istituto di Chimica Biomolecolare del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) di Pozzuoli
Alberto Zanchetti, professore emerito dell’Università di Milano e direttore scientifico dell’Istituto Auxologico Italiano di MilanoEsplora il significato del termine: Alberto Zanchetti, professore emerito dell’Università di Milano e direttore scientifico dell’Istituto Auxologico Italiano di Milano
Alberto Zanchetti, professore emerito dell’Università di Milano e direttore scientifico dell’Istituto Auxologico Italiano di MilanoEsplora il significato del termine: Alberto Zanchetti, professore emerito dell’Università di Milano e direttore scientifico dell’Istituto Auxologico Italiano di Milano
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Compra un bus e lo trasforma in appartamento: la tesi di laurea secondo Hank Butitta

Next Article

UDU: "Ricetta giusta per far ripartire l'Università non è quella proposta dalla CRUI"

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.