Udu: la consultazione on line è una truffa, anche Elvis Presley può votare

Ritirare la consultazione dal web e creare una commissione apposita, con membri del Cun e del Cnsu. L’Udu non ha dubbi, il questionario lanciato sul sito del Miur sull’abolizione del valore legale del titolo di studio fa acqua da tutte le parti.

Ritirare la consultazione dal web e creare una commissione apposita, con membri del Cun e del Cnsu. L’Udu non ha dubbi, il questionario lanciato sul sito del Miur sull’abolizione del valore legale del titolo di studio fa acqua da tutte le parti. Secondo il sindacato studentesco una delle prime operazioni da fare è riformulare il questionario e controllare gli accessi in rete onde evitare che anche persone registrate con il falso nome di Elvis Presley accedano alla consultazione.

«Da pochi giorni è partita la consultazione sul valore legale del titolo di studio e più di 20.000 persone già hanno partecipato. Ma questi numeri e queste partecipazioni sono reali? Ci sono controlli dietro l’iscrizione e l’accesso alla consultazione? L’Udu ha provato ad accedere alla consultazione con nomi fittizi e ha fatto iscrivere i signori Antani Bitumato e Elvis Presley. Ebbene la registrazione – dice l’associazione studentesca – è avvenuta con successo e i nostri celebri personaggi avrebbero potuto tranquillamente contribuire alla decisione sul futuro dell’università. Con un sistema di accreditamento cosi poco controllato è possibile ovviamente falsare il risultato della consultazione. Chiunque può votare più volte creando account inesistenti e tutto questo – fa notare l’Udu – rende ovviamente vano il fine ultimo della consultazione».

«Non è possibile incidere in maniera cosi forte sul futuro di un’intera generazione e del Paese in maniera cosi superficiale e grossolana, soprattutto se i mezzi a disposizione – conclude – sono a loro volta non idonei».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ereditato si dimette dall'Infn

Next Article

Pillola dei cinque giorni dopo, disponibile in Italia

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"