Tweet polemici sui trans, scuola inglese revoca l’intitolazione di un campus alla “mamma” di Harry Potter

Continuano le polemiche in Inghilterra per le frasi contro la comunità Lgbt della scrittrice J.K. Rowling, creatrice della saga del mago Harry Potter. Un istituto dell’Essex ha deciso di revocare l’intitolazione di una sua struttura alla scrittrice. Non sono passate inosservati i suoi tweet contro le persone che hanno cambiato sesso.

Non c’è pace per J.K. Rowling, la scrittrice inglese celebre in tutto il mondo per aver dato vita alla saga di Harry Potter, il giovane mago dagli occhiali tondi che ha fatto vendere milioni di libri e sbancato il botteghino al cinema. Una scuola inglese di arti dello spettacolo, che aveva intitolato uno degli edifici del suo campus a J.K. Rowling, proprio in onore della sua saga di Harry Potter, ha deciso di fare marcia indietro a causa delle opinioni della scrittrice sui transessuali.

La Boswells School di Chelmsford – in Essex, nell’est dell’Inghilterra – ha sostituito il nome di Rowling con quello dell’atleta britannica Kelly Holmes. Il preside, Stephen Mansell, ha spiegato che la sua scuola vuole creare “una comunità scolastica vivace, inclusiva e democratica, dove
incoraggiamo gli studenti a diventare cittadini indipendenti e fiduciosi”.

La decisione è stata presa lo scorso luglio alla luce di alcuni tweet criticati anche dai gruppi Lgbt in cui Rowling affermava tra l’altro che le cosiddette “persone col ciclo mestruale” si devono definire semplicemente donne. Per gli stessi tweet Rowling era stata criticata anche dall’attore Daniel Radcliffe, che da adolescente aveva interpretato il personaggio di Harry Potter.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Quarantena differenziata per età, i presidi bocciano la proposta delle Regioni: "Difficile da attuare. Meglio una dad di due settimane"

Next Article

Anche il Lazio posticipa il rientro in classe al 10 gennaio. Gli studenti non ci stanno: "Una sconfitta. Adesso mascherine Ffp2 per tutti"

Related Posts
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".