Turismo scolastico progetto Mibac-Miur

I viaggi d’istruzione come occasione per far conoscere agli studenti luoghi suggestivi dell’Italia “minore”, quella che non viene toccata dal turismo di massa. Questo il principale obiettivo dell’intesa siglata oggi tra i ministri della Cultura e dell’Istruzione, Sandro Bondi e Mariastella Gelmini, che hanno dato il via al progetto sperimentale “Alla scoperta del tuo Paese”.
Un’iniziativa – promossa dall’Associazione Mecenate 90 – nata nell’ambito delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia, che durerà due anni. Nel primo anno saranno coinvolte circa 500 scuole in tutta Italia.
Per favorire la partecipazione degli istituti (scuole secondarie di primo e secondo grado) – hanno spiegato stamani in una conferenza stampa i due ministri – verranno definite apposite convenzioni (per avere tariffe agevolate anche da alberghi e ferrovie) attivando intese con le Regioni e gli Enti Locali e si aiuteranno gli studenti che provengono da famiglie disagiate o che sono portatori di handicap (risorse saranno attinte anche da fondi ministeriali).
Saranno incentivati i viaggi in treno sia per ragioni di maggiore sicurezza sia per contribuire allo sviluppo del trasporto meno inquinante. L’iniziativa prevede il bando di un concorso «Un viaggio alla scoperta dell’Italia»; per partecipare le scuole dovranno gemellarsi tra loro e presentare idee per la realizzazione di una gita di istruzione; i migliori progetti saranno realizzati in collaborazione con i due ministeri.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Edilizia scolastica, siglata l'intesa Anagrafe completa entro 6 mesi

Next Article

Il Futurismo invade la capitale: in arrivo “Futuroma”

Related Posts
Leggi di più

Orientasud, torna il salone per i ragazzi del Meridione. Berriola: “Aziende non trovano giovani”

a mercoledì 3 a venerdì 5 novembre, tre giorni di evento nel segno dei giovani. Orientamento, informazioni, opportunità di studio e scambi, colloqui, seminari e workshop per sostenere le scelte formativo-professionali dei ragazzi. Grazie alla piattaforma Natlive e al canale live streaming disponibile, il salone potrà essere seguito in diretta da tutto il Paese.