#Turboblogging premiazione in diretta

player-diretta_turboblogging2

 

L’auto del futuro: si guida da sé e non è nemmeno più tua. “Si muove grazie a dei sensori installati a bordo in modo che il veicolo comprenda in quale situazione si trova” spiega il Prof. Alberto Broggi del laboratorio VisLab, uno degli oltre 91 laboratori di ricerca industriale della Rete Alta Tecnologia dell’Emilia-Romagna, dove ogni giorno lavorano 1600  ricercatori.

#Turboblogging ha raccontato, attraverso la penna di 30 blogger, l’innovazione made in Italy. Nuovi prodotti e materiali, soluzioni all’avanguardia che rendono competitivo il nostro sistema industriale. Tutta la ricerca in un post. A valutare i 30 blogger una giuria di esperti di comunicazione e innovazione, tra i quali Giovanna Cosenza (Università di Bologna), Marina Silverii (Aster),Elisabetta Tola (Formica Blu), Fabrizio Binacchi (RAI Emilia-Romagna), Federico Taddia (La Stampa).

Il contest vedrà giovedì 6 giugno dalle ore 11 alle ore 13 il suo atto finale. I 3 blogger vincitori saranno premiati a Bologna nell’ambito di R2B – Research to Business, l’8° Salone Internazionale della Ricerca Industriale –  5 e 6 giugno BolognaFiere, Padiglioni 33 e 34 – con un kit completo di iPad mini Wi-Fi + Cellular 16G e GoPro Camera HERO3 White Edition.

L’incontro sarà anche l’occasione per parlare di “Il Social Networking “oltre” la comunicazione – Gli impatti della rete su modelli di business, ricerca ed innovazione”. Interverranno, tra gli altri, Stefano Epifani (Università La Sapienza e Università di Urbino Carlo Bo) e Gian Carlo Muzzarelli (Regione Emilia-Romagna). A raccontare tutta la ricerca in un post i 30 blogger con la conduzione di Philip Taylor (Aster) e Giampaolo Colletti (Altratv.tv).

 

GUARDA LA DIRETTA:

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma, il Campus con un prof ogni 14 studenti

Next Article

Violentata a Napoli, Si è inventata tutto, ecco perché. La reazione degli studenti: "Siamo schifati, deve vergognarsi"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".