Tumori, la ricerca si fa sul web

La lotta ai tumori si puo’ fare anche dal pc di casa con qualche minuto a disposizione e un po’ di pazienza. L’universita’ britannica di Oxford e la onlus Cancer Research U.K. hanno lanciato un sito in cui chiedono agli utenti di aiutare i ricercatori analizzando alcune immagini e catalogando il loro contenuto.

Il sistema del crowdsourcing, attraverso cui si ‘appalta’ un progetto alla comunita’ web, e’ gia’ stato usato in diversi altri progetti scientifici, dall’astronomia alla biologia, e in qualche caso ha generato pubblicazioni sulle principali riviste.

In questo caso gli esperti chiedono agli utenti di visionare decine di migliaia di immagini al microscopio di tumori al seno, identificando sulla base di forma e colore le cellule presenti e stimando il loro numero. In particolare le cellule che sullo schermo appaiono gialle si riferiscono ad alcuni biomarker che potrebbero aiutare a predire la risposta ad alcuni farmaci:

“Questi dati sarebbero normalmente analizzati dai ricercatori, ma ormai il loro volume e’ tale che visionarli rallenta notevolmente la ricerca – spiega Chris Lintott della Oxford University – quello che chiediamo agli utenti e’ lo stesso lavoro che farebbe un patologo”.

E’ dedicato invece ai pazienti il National Proactive Surveillance Network appena lanciato da alcune istituzioni statunitensi: sul sito tutti coloro che soffrono di cancro alla prostata e che hanno scelto di non operarsi ma fare ‘sorveglianza attiva’ sono chiamati a immettere la propria storia clinica. Sulla base dei dati i ricercatori sperano di riuscire a capire quali siano i cambiamenti che preannunciano un peggioramento del tumore e la necessita’ di intervenire.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studentessa francese trovata morta in casa a Bologna

Next Article

Globalizzazione: anche gli insetti non hanno frontiere

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".