Troppe bibite light aumentano il rischio di depressione. Il caffè lo riduce

Bere troppe bibite, specie se nella versione light o diet, aumenta il rischio di depressione dal 30 al 38%. Viceversa il consumo di caffe’ sembrerebbe diminuire, anche se di poco, tale rischio, abbassandolo di circa il 10%. Lo rivela un maxistudio durato oltre 10 anni che sara’ presentato al 65/imo meeting Annuale della American Academy of Neurology che si terra’ a San Diego a marzo prossimo.

A condurre la ricerca e’ stato Honglei Chen dei National Institutes of Health in Research Triangle Park in Nord Carolina. Sono state coinvolte 263.925 persone di eta’ 50-71 anni all’inizio del lavoro; a 10 anni di osservazione oltre 11 mila diagnosi di depressione sono state registrate tra i partecipanti. Incrociando i dati sul consumo di bibite, te’ e caffe’ con quelli sulle diagnosi di depressione e’ emerso che i grandi consumatori di bibite hanno un rischio di soffrire di depressione fino al 38% piu’ elevato (per quelli che bevono bibite o succhi in versione diet, in media 4 bicchieri al giorno), mentre il consumo di caffe’, specie se amaro, ridurrebbe il rischio del 10%.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

PA: si allungano i tempi per pagare le imprese, quasi 7 mesi di attesa

Next Article

Concorsone, Rossi Doria: "Nessun rallentamento. Entro agosto le cattedre saranno assegnate"

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale