Trento, bonus al merito per le future matricole

bonus.bmpAll’università con un bonus di 400 euro. Ma riservato solo ai più meritevoli. L’idea proviene dalla Provincia di Trento, che ha deciso di finanziare con piccole borse di studio mensili le future matricole.
Alla base del progetto l’idea di aiutare le famiglie meno abbienti nell’istruzione universitaria dei figli, attraverso sostegni finanziari mensili. Un aiuto pensato anche per cercare di arginare la crisi economica, che secondo molti andrà ad incidere specialmente sul settore istruzione.
A sostenere questa tesi anche il presidente della provincia Lorenzo Dellai, che ha sottolineato come le prime spese ad essere tagliate saranno proprio quelle rivolte all’istruzione universitaria.
A poter godere della iniziativa, però, non saranno in molti. Al momento, infatti, l’idea si rivolge in particolare ai ragazzi che versano in condizioni economiche disagiate, ma che dimostrino anche di star percorrendo un’ottima carriera scolastica.
Nonostante il progetto sia ancora in fase di approvazione, alcune regole sono già state definite. L’assegnazione della somma di 400 euro riguarderà soltanto quei ragazzi che, provenienti da famiglie economicamente disagiate, abbiano ottenuto un ottimo voto di maturità. Il beneficio così sarà assicurato per tutti gli anni di frequenza solo a chi dimostrerà di frequentare regolarmente il corso di studi universitario e otterrà regolarmente una votazione medio-alta.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma Tre, analisi della Facebookmania

Next Article

Catanzaro: Medicina, test nel mirino

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.