Catanzaro: Medicina, test nel mirino

testmedicina.jpgAteneo sotto inchiesta. Sembra non esserci pace per l’Università Magna Graecia di Catanzaro, che in questi giorni sta vivendo momenti a dir poco travagliati: dopo il recente sequestro di quarantotto lauree in Giurisprudenza da parte della Procura della Repubblica, un altro filone di indagine entra dentro l’ateneo catanzarese. Stavolta si tratta di Medicina e della famosa questione dei test d’ingresso “con l’aiutino” del 2007. Ma non è tutto: ora la Procura sta andando anche a ritroso nel tempo, per chiarire se anche negli anni precedenti ci siano state manomissioni/irregolarità relative alle prove di ammissione al corso di laurea in Medicina e Chirurgia, con numero programmato a livello nazionale.
La Procura, infatti, sta indagando anche sugli anni precedenti al 2007 per accertare se vi siano state irregolarità nella gestione dei test o casi di manomissione non scoperti. Allo stato gli indagati sono 20 per i quali la Procura ha chiesto al gip la proroga delle indagini. Tra loro figura anche il rettore dell’ateneo catanzarese, Francesco Saverio Costanzo, alcuni docenti e studenti.
Fu proprio il rettore a denunciare la manomissione dei plichi. Le indagini, secondo quanto si è appreso, puntano a fare emergere che anche precedentemente al 2007 c’erano studenti che conoscevano i contenuti dei test prima della prova di ammissione.
Le indagini sulle irregolarità nei test di ammissione alla facoltà di medicina hanno avuto un notevole impulso dopo le dichiarazioni di Valter Mancuso, l’addetto alle pulizie dell’Università di Catanzaro arrestato nel settembre scorso per furto. Mancuso, secondo quanto si è appreso, oltre ad aver ammesso le proprie responsabilità ha chiamato in causa anche alcuni docenti dell’Università che avrebbero aiutato degli studenti a superare i test di ammissione.
L’iscrizione nel registro degli indagati delle persone indicate da Mancuso si è reso necessario quindi per riscontrare le dichiarazioni raccolte dagli inquirenti. Nell’inchiesta, oltre alle venti persone per le quali la Procura ha chiesto la proroga d’indagine, sarebbero coinvolte un’altra ventina di persone. Per Mancuso è stato fissato il processo con rito abbreviato che si svolgerà il prossimo 22 aprile.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Trento, bonus al merito per le future matricole

Next Article

Treccani, dossier contro bullismo omofobo

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".