Tour operator dello spazio web 3.0

Il turismo “fai da te”, molto sviluppato in questi ultimi anni alla luce di una conoscenza sempre più disinvolta della rete digitale da parte degli cybernauti, non ha inibito due giovani imprenditori del turismo a sfidare il mondo dei tour operator. Passione per i viaggi e per l’e-commerce, alla base della loro idea imprenditoriale. Neil Waller e James Street, abbandonati gli studi universitari si sono riversati sull’universo turismo, arrivando in poco tempo a un successo lavorativo di dimensioni internazionali.

“Bisogna trovare un’idea” ripeteva in modo ossessivo l’attore Riccardo Rossi nel film “Dio c’è”, I due giovani inglesi, l’idea l’hanno trovata. Dare in franchising il loro sito web sui viaggi, www.myDestinationInfo.com, con base a Maida Vale, zona centrale di Londra. Formula vincente dell’offerta (80 franchising in tutto il globo), la commistione tra un’accurata informazione locale, contenuti interattivi e un motore di prenotazione online.

Neill e James, erano ancora iscritti alla Bath University, quando si lasciarono guidare dalle loro conoscenze informatiche e dalla loro passione per i viaggi, in particolare per la località balneare spagnola, Marbella. Navigando sul web, riscontrarono un’assenza di veri contenuti sulla cittadina spagnola e, data la loro profonda conoscenza del posto, decisero di realizzare marbellainfo.com.

Presto si resero conto che lacune informative riguardavano proprio i siti più presenti nell’immaginario collettivo del turista e così svilupparono un modello di franchising che permettesse a chiunque di gestire un sito per una destinazione specifica. Neil sostiene che iniziarono l’attività con 600 sterline nel 2006 e dopo quattro anni l’azienda ha riscontrato il beneplacito e il supporto dell’ UK Trade & Investment (UKTI), organizzazione che investe sulle giovani imprese che contribuiscono al progresso economico e sociale del paese britannico. Attualmente, il sito è utilizzato da otto milioni di viaggiatori, annuali.

Amanda Coccetti

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Esodo dalle università

Next Article

Dal Master alla SSPA

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".