Toscana, Veneto, Puglia: crollano le borse di studio. "Ecco gli effetti del nuovo ISEE"

Arrivano nuovi dati drammatici dati sugli idonei ai servizi del diritto allo studio. Sono infatti pubblicati i dati degli idonei alle borse di studio per la regione Toscana relativi ai tre atenei principali. I risultati non sono confortanti: rispetto al 2014/15 le domande di borsa di studio sono crollate di 1349 unità a Firenze di 990 a Siena e addirittura di più di 1800 a Pisa.

In Veneto certamente non va meglio. “Non abbiamo i dati relativi agli idonei o al numero di domande per la borsa di studio  ma a parlare bastano i dati relativi agli idonei alle residenze universitarie – commentano al Corriere dell’Università gli studenti di LINK. Gli idonei erano 1332 nel 2014/15  e si sono ridotti alle sole 880 unità quest’anno con una flessione negativa di ben – 39%”.

A questi dati si aggiungono quelli della Puglia, dove si registra un calo di domande del 30%  a Bari, e del 23 % a Lecce per un totale di rispettivamente 1750 e 499 studenti richiedenti in meno. Arrivano i primi dati anche da Statale e Bicocca, a Milano, relativi ai posti alloggio che parlano di una riduzione del 14,5% delle domande di riconferma di posto alloggio.

“Sul Lazio la situazione è critica per più di 11000 richiedenti” – continuano da LINK. L’Inps, infatti, non ha ancora calcolato l’Isee per molti studenti, che resteranno nell’incertezza fino all’uscita definitiva delle graduatorie.

“Non possiamo stare a guardare – afferma Alberto Campailla, portavoce di LINK – Coordinamento Universitario – di fronte a questo attacco al Diritto allo studio. Per questo con moltissimi studenti ci siamo mobilitati tramite la campagna #iononrinuncio, che ha lanciato una petizione che ha superato le 3.000 firme in appena dieci giorni. Ci siamo mobilitati tramite un partecipatissimo tweetmob diretto al Ministro Giannini e al premier Renzi in cui si pretende una presa di responsabilità rispetto all’esclusione di moltissimi studenti dalla possibilità di accedere all’università.”

“Chiediamo con forza l’abolizione del parametro dell’Ispe – continua Campailla – poichè la valutazione del patrimonio immobiliare è già compreso nel calcolo dell’Isee chiediamo inoltre una sanatoria per coloro che quest’anno si trovano esclusi dalla possibilità di accede alla borsa di studio o alla casa dello studente a causa del vertiginoso aumento dell’Ispe.

La mobilitazione, intanto, continua: “Abbiamo in programma una serie di assemblee ed iniziative in molti atenei. A Pisa e Milano Bicocca proprio ieri si sono svolte le prime assemblee, mentre a Roma si terrà un’assemblea presso gli uffici centrali della Laziodisu venerdì 18. Continueremo a portare con forza le nostre rivendicazioni  – conclude il portavoce di LINK – verso la data del 9 ottobre in cui saremo in piazza assieme agli studenti medi per rivendicare il diritto all’accesso ai luoghi della formazione.”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 16 settembre

Next Article

Matematici da tutto il mondo si riuniscono a Varese per la scuola in onore di John Nash

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".