Covid scuola, focolaio a Bologna: 300 in Dad

Ipotesi contagio partito da docente con Green pass da tampone e non vaccinato. Un centinaio gli studenti in quarantena.

Torna il covid a scuola: circa 300 studenti – 12 classi su 22 – in didattica a distanza sulla scorta della positività al Covid di una docente – poi altri due colleghi sono risultati positivi – regolarmente in aula con il Green pass ma che potrebbe essere non vaccinata.

Succede a Bologna in una scuola media dell’Istituto Comprensivo Statale 12 con 100 ragazzini già in quarantena e altri 200, circa, che vivono la sospensione delle lezioni in attesa dei risultati del tampone. I fatti, riportati dai quotidiani ‘il Resto del Carlino’ e ‘Corriere di Bologna’, trovano sostanziale conferma sul fronte istituzionale

300 studenti in Dad

“In questo momento – spiega la dirigente scolastica dell”Istituto Comprensivo Statale 12, Filomena Massaro – sono stati messi in quarantena un centinaio di ragazzi sulla base di una positività ed è stata sospesa l’attività didattica. Sono andate in didattica a distanza quattro classi quindi un centinaio di alunni”. Poi, da controlli, “sono scaturite altre due positività” tra i docenti “e quindi – argomenta ancora – alla fine diciamo che i ragazzi coinvolti sono circa 300 di cui un centinaio stanno facendo la quarantena mentre gli altri stanno aspettando il risultato del tampone. Adesso – prosegue Massaro – noi abbiamo questo nucleo abbastanza grosso di otto classi che hanno fatto il tampone, per la maggior parte oggi. Ci vorranno 48 ore per avere un risultato. Se non ci saranno ulteriori positività diciamo che nell’arco di questa settimana si rientra tutti in classe: ce lo auguriamo veramente”.

Quanto all’ipotesi che il contagio possa essere partito da una docente non vaccinata ma in regola con il Green pass, ottenuto tramite tampone negativo o guarigione, “questa cosa – dice la dirigente scolastica – l’ho saputa anche io dai giornali. Io faccio il controllo giornaliero sui docenti e li rilevo” con l’applicazione che “mi segnala il Green pass verde per l’ingresso. Per me quello che vale, come previsto dalla legge, è il Green pass che la docente aveva regolarmente come gli altri”.

Leggi anche:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scandalo Unicamillus, al test per docenti il 40% passa con il massimo dei voti. L'università: "Siamo parte lesa"

Next Article

​Professioni sanitarie, università senza personale laureato

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident