Torino, sospesa da scuola perché seguiva lezione in strada

Espulsa dalla lezione durante la manifestazione perché “non in un luogo consono per la didattica a distanza

Espulsa dalla lezione durante la manifestazione perché “non in un luogo consono per la didattica a distanza”. Eva L. F. ha 13 anni, frequenta la terza della scuola media Nievo di Torino e da lunedì ha deciso di lasciare casa e scendere in strada contro la Dad. La scintilla della sua protesta, che prima di lei hanno portato avanti Anita e altri studenti dalle medie all’università, è stata la decisione

La protesta diviso Torino e, col passare dei giorni, sta prendendo piede in tutta Italia. E nonostante il mondo della scuola si stia avvicinando alla protesta, la sua scuola continua a fare muro: “Non mi vogliono far partecipare alle lezioni dal primo giorno. Lunedì ho saltato le ore perché i docenti mi hanno respinta, dicendo che non fossi nel luogo adatto. Dicono che sia per tutelare la privacy di miei compagni, che in piazza io esponga tutti. E le discussioni stanno peggiorando giorno dopo giorno”.

Martedì Eva si è spostata di fronte alla sua scuola da piazza Castello, ma ha ricevuto l’ultimatum nonostante non ci fosse nessuno vicino e i genitori la tenessero d’occhio. “È l’ultimo giorno”, si è sentita dire dai docenti di geografia e tecnologia: “Il giorno dopo, pur di seguire ho messo un telo che coprisse quello che c’era dietro di me: faccio di tutto per continuare a seguire le lezioni perché è il mio dovere, ma è anche mio diritto manifestare”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lavoro come educatore/educatrice in Germania a Francoforte sul Meno

Next Article

Nuovo dpcm, per gli studenti universitari potranno tornare esami e lauree in presenza

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.