Torino, scontri davanti al rettorato: 6 studenti fermati

Scontri e tafferugli tra studenti e forze dell’ordine a Torino, davanti al rettorato dell’Università. Un gruppo di studenti chiedeva di entrare nella struttura per partecipare all’assemblea insieme al rettore, Gianmaria Ajani, sollecitandolo a dare risposte sulla questione amianto.
Da circa una settimana, infatti, il polo universitario di Palazzo Nuovo è stato chiuso per motivi di sicurezza, data la possibile presenza di fibre in amianto. Al momento, la procura di Torino ha già aperto un’inchiesta.
I manifestanti non sono stati ricevuti dal rettore; le forze dell’ordine, dal canto loro, hanno formato un fitto cordone, montando delle grate in Via Verdi per impedire l’accesso alla struttura. La carica non si è fatta attendere, con manganellate e scudi, che sono avanzati per circa 200 metri. Il bilancio è di 6 studenti fermati dalla Polizia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Reddito minimo: la risposta degli studenti a Poletti

Next Article

Le Università di tutta Europa si fermano per ricordare Garissa

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".