Torino, le tappe delle protesta

torino.jpgNei prossimi giorni il capoluogo piemontese vivrà molti momenti di passione: si preannunciano settimane di mobilitazione per gli studenti universitari torinesi a partire dal 28 novembre, giornata di protesta nazionale per la quale l’Assemblea No Gelmini ha in programma un’iniziativa presso la sede centrale della Banca Intesa San Paolo di Torino che ha l’obiettivo di rappresentare il significato di quello che è diventato lo slogan simbolo della protesta, ‘noi la crisi non la paghiamo’. La città, peraltro, dal 21 al 29 novembre sarà già al centro dell’attenzione grazie allo svolgimento del Torino Film Festival diretto da Nanni Moretti.
Il 6 dicembre, poi, gli universitari torinesi parteciperanno al corteo organizzato per commemorare, a un anno di distanza, i sette morti della Thyssenkrupp, «per ribadire, se ancora ve ne fosse bisogno – spiegano – che di lavoro in Italia non si può morire come avvenuto a Torino». Nel pomeriggio dello stesso giorno gli studenti si sposteranno a Susa per unirsi al corteo No Tav «per riaffermare che la Tav non si farà e per portare avanti un discorso a difesa dell’acqua, dell’ambiente e della salute di tutti noi».
Sciopero generale, presenti. Le iniziative proseguiranno, poi, il 12 dicembre quando anche nel capoluogo piemontese, come nel resto d’Italia, gli studenti parteciperanno allo sciopero generale indetto dai sindacati, mentre il 13 dicembre l’Assemblea No Gelmini ha intenzione di contestare l’inaugurazione dell’anno accademico, cerimonia confermata proprio nei giorni scorsi dal Senato Accademico.

L’inaugurazione della discordia.
«Come studenti e studentesse dell’Università di Torino – sottolineano gli studenti dell’Assemblea No Gelmini – non possiamo che esprimere il nostro più totale dissenso rispetto a questa decisione e all’atteggiamento di insufficienza che l’ha accompagnata».
Colletta per il treno. Infine è in programma anche un evento per raccogliere i fondi che mancano per saldare il debito contratto dagli studenti con Trenitalia per il treno speciale messo a disposizione per il corteo di Roma della scorsa settimana. Intanto, venerdì mattina, alcune centinaia di studenti delle scuole superiori sono scesi in corteo e hanno organizzato un volantinaggio alla stazione di Porta Nuova.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Promoter al nord con Credico

Next Article

Segretari per hotel nella capitale

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.