Tor Vergata, in facoltà senza bermuda

A Tor Vergata il caldo inizia a farsi sentire. E i primi a spogliarsi anche questo anno sono stati gli studenti. Magliette senza maniche, bermuda, camicie troppo scollate, gonne troppo corte e infradito. Almeno secondo la direttrice della facoltà di Scienze Infermieristiche.Per mettere un freno ad un abbigliamento troppo “da spiaggia”, la direttrice ha introdotto nuove regole di abbigliamento. «Non è possibile che alcune ragazze abbiano il seno mezzo di fuori o che i maschi mostrino così tanto le gambe – ha spiegato.

A Tor Vergata il caldo inizia a farsi sentire. E i primi a spogliarsi anche questo anno sono stati gli studenti. Magliette senza maniche, bermuda, camicie troppo scollate, gonne troppo corte e infradito. Almeno secondo la direttrice della facoltà di Scienze Infermieristiche.
Per mettere un freno ad un abbigliamento troppo “da spiaggia”, la direttrice ha introdotto nuove regole di abbigliamento. «Non è possibile che alcune ragazze abbiano il seno mezzo di fuori o che i maschi mostrino così tanto le gambe – ha spiegato. Ovviamente non ho sospeso nessuno ma voglio che in questa sede si vesta in maniera decorosa».
Ma la struttura universitaria secondo gli studenti non supporterebbe molto queste richieste. Condizionatori inesistenti, aule affollate e corridoi senza finestre la dicono lunga sulle reali capacità della struttura pubblica di arginare il problema temperature.
Immediata è stata infatti la reazione degli studenti che, almeno per il momento, non hanno intenzione di abbandonare i panni “estivi”. «L’unico modo di difesa – sostengono – restano gli abiti “più freschi”». E ad essere interpellata sulla questione è stata anche la popolazione di facebook, con la creazione di un gruppo ad hoc per rivendicare la libertà ad abiti più estivi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Economia efficace ma snella

Next Article

Decleva e il ddl Gelmini

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.