Top al made in Italy

Al prof. Ernesto Fattorusso è stato assegnato il più importante riconoscimento internazionale nel campo della chimica delle sostanze naturali.

A Ernesto Fattorusso, professore ordinario di Chimica Organica presso la Facoltà di Farmacia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, è stato assegnato il Premio “Paul J. Scheuer: Award in marine natural products chemistry”.
Questo é il più importante riconoscimento a livello internazionale nel campo della chimica delle sostanze naturali, tema al quale il prof. Fattorusso ha dedicato tutta la sua attività scientifica.
Il premio è intitolato a Paul Scheuer, che è considerato dagli ex allievi e colleghi il padre della chimica dei prodotti naturali marini. Scheuer, morto nel 2003 per leucemia, è stato per 53 anni professore presso l’Università delle Hawaii e nel 1992 alcuni suoi studenti decisero di istituire questo riconoscimento di cui Scheuer fu il primo premiato. Da allora il premio è assegnato con cadenza biennale e mai prima di quest’anno era stato dato a un ricercatore italiano, una grande soddisfazione dunque!

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mille bolle!

Next Article

E-learning: la formazione a prova di click

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".